Società

Anpal Servizi e Cisco, piattaforma digitale per creare community scuole-lavoro

ANPAL Servizi e Cisco lanciano un servizio digitale per connettere scuole, formazione e mercato del lavoro: la sperimentazione inizia adesso

Offrire tutti i servizi normalmente fruiti in presenza, dai webinar alla formazione per i docenti, fino all’incontro domanda-offerta di lavoro. È in quest’ottica che si muove la piattaforma che ANPAL Servizi e CISCO stanno testando in questi giorni.

La sfida della trasformazione digitale, unita al contesto pandemico mondiale, impone a tutti i soggetti pubblici e privati una seria riflessione sulla formazione e sul mercato del lavoro.

Il contesto attuale

Se si osservano le dinamiche macrostrutturali che influenzano l’applicazione di strategie e scelte politiche, una riflessione va fatta analizzando l’anno appena trascorso: lo shock causato dalla pandemia da Coronavirus ha stravolto la “normalità“, mettendo in discussione la concezione del mondo globale nei termini in cui esso stesso si definiva.

Banalmente, siamo passati dal contatto umano a quello digitale, dagli incontri dal vivo alle call su Meet o Zoom, dalla cena con gli amici al delivery comodamente a casa. E non solo: tutto il nostro mondo, all’improvviso, ha iniziato ad entrare in casa ed essere fruibile solo attraverso un pc, uno smartphone o un tablet. Rendendoci, volente o nolente, protagonisti di un silente ma pervasivo cambiamento: quello della connessione necessaria e obbligatoria. Pena, l’esclusione dal mondo esterno.

Certo, anche prima della Covid sapevamo che la tecnologia, l’innovazione e il digitale erano strumenti importanti, ma non sono mai stati così pervasivi come nei dodici mesi del 2020: mentre la maggior parte di noi fino a dicembre 2019 utilizzava lo smartphone solo per i social o per le ricette e il pc solo per lavoro, a partire dalla pandemia abbiamo avuto la consapevolezza che senza infrastrutture tecnologiche non sarebbe stato possibile lavorare, studiare, tracciare dati, monitorare l’andamento del virus. In altre parole, non sarebbe stato possibile andare avanti.

Nel quadro attuale, l’Unione Europea spinge per la sovranità digitale e l’interconnessione fra Paesi, cittadini e imprese, con la bussola dell’Agenda 2030 sostenendo che

“La pandemia ha dimostrato quanto le tecnologie e le competenze digitali siano fondamentali per il lavoro, lo studio e la vita sociale, mettendo in evidenza gli aspetti che dobbiamo migliorare. Dobbiamo adesso fare di questo decennio il decennio digitale europeo affinché tutti i cittadini e le imprese possano avere accesso a quanto di meglio può offrire il mondo digitale”

URSULA VON DER LEYEN, PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE EU

D’altra parte, Governo Italiano, che sembra aver accolto positivamente la sfida, non ha mancato più volte di sottolineare che

“La crisi ha inciso negativamente sul capitale economico, umano e sociale. Ha infatti ridotto la capacità produttiva, gli investimenti, i redditi. Ha inciso su disoccupazione e sottoccupazione, nonché su scuola, università ed attività formative. E ha ridotto tutte le forme di interazione e relazione. Ancor di più davanti a questa situazione, l’attuazione della Agenda 2030 è un’occasione irripetibile per rilanciare in modo stabile e su nuove basi il nostro modello di sviluppo, prendendo atto dell’insostenibilità e della iniquità di quello attuale sul piano ambientale, economico e sociale”

ROBERTO FICO, PRESIDENTE DELLA CAMERA

Era tanto ovvio quanto auspicato che, chi si occupa di politiche del lavoro come ANPAL (Agenzia Nazionale Politiche Attive per il Lavoro), trovasse strategie per il processo di trasformazione digitale dei servizi essenziali come la formazione e l’incrocio domanda – offerta di lavoro.

ANPAL Servizi e Cisco, la sfida verso la trasformazione digitale

La necessità, dunque, è quella di dare risposte innovative per mantenere efficaci e funzionanti le metodologie didattiche e i processi lavorativi: ANPAL Servizi e Cisco, con la piattaforma digitale messa a punto dal Consorzio Clara, vogliono rispondere alla ormai non più eludibile esigenza di ripensare le modalità di erogazione dei servizi. 

Il prototipo messo a punto è potenzialmente in grado di erogare tutti i servizi normalmente forniti in presenza, dai laboratori ai webinar, così come i project work per quanto riguarda le attività degli studenti; trasferimento di metodologie, ma anche momenti di formazione per i docenti; possibilità di condividere materiali e scambiare buone prassi tra le 71 scuole già in rete grazie alle attività di assistenza tecnica alla Transizione scuola lavoro e PCTO realizzata da Anpal Servizi Campania”

ANPAL Servizi e Cisco

La piattaforma di lavoro digitale è basata su Cisco Webex e, se da un lato può integrare i servizi di assistenza tecnica, dall’altro migliora l’interazione fra scuole, stakeholder ed ANPAL Servizi. Nelle prossime settimane la piattaforma sarà testata su tre o quattro istituti scolastici, una per ambito educativo: si tratta infatti di un prototipo base, integrabile a seconda delle esigenze delle scuole. 

Uno strumento quindi con una sua precipua funzionalità e utilità concreta, ma con un valore aggiunto: ampliare la rete e la comunicazione tra scuole e attori del mondo del lavoro, migliorando lo scambio di esperienze, la collaborazione e la circolazione delle informazioni, riducendo quindi anche il ricorso a help desk telefonici e rendendo più efficienti le procedure.  

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button