Tecnologia

La farmacia digitale a portata di Facebook e Whatsapp

La farmacia digitale è realtà: grazie all'idea di Farmakom, è possibile ordinare da Facebook i farmaci e riceverli comodamente a casa

Una farmacia digitale, con ordini direttamente attraverso Facebook Messenger che passano al magazzino e senza bisogno di utilizzare addetti. È la soluzione, molto comoda in tempi di pandemia, offerta da Farmakom, piattaforma leader in Italia nella creazione di e-store per farmacie e parafarmacie.

La farmacia digitale su Facebook

La proposta innovativa riguarda un sistema che consentire alle farmacie italiane di ricevere ordini direttamente da FB Messenger, usando la tecnologia di LIfedata, realtà specializzata che propone soluzioni basate sull’intelligenza artificiale, che abilitano la gestione dei servizi e delle vendite a distanza.

Farmakom offre soluzioni di intelligenza artificiale pronte all’uso che, grazie all’integrazione tra canali digitali e fisici, consentono di gestire efficacemente la relazione con il cliente e di vendere farmaci e parafarmaci grazie a nuovi strumenti senza impiegare personale. Il processo, infatti, è completamente automatizzato e gli ordini vengono ricevuti direttamente in magazzino, senza dover passare dagli addetti. In buona sostanza, chiunque acceda alla farmacia digitale gestita da Farmakom può ordinare prodotti anche via Facebook Messenger, velocizzando il processo di ordine e senza dover andare nel punto vendita fisico. Attraverso il canale di messaggistica istantanea di Facebook Messenger si può, inoltre, essere informati sui prodotti in riassortimento, ricevere informazioni su sconti attivi sui prodotti cercati o rimanere aggiornati sullo stato del proprio ordine. Una volta completato l’ordine, è possibile passare a ritirarlo in farmacia o farselo recapitare comodamente a casa.

La farmacia su Whatsapp

Non solo Facebook, ma anche Whatsapp: con lo stesso sistema di farmacia digitale è possibile integrare il magazzino della propria farmacia con WhatsApp e consentire all’utente di utilizzare proprio la famosa App di messaggistica istantanea per ricercare i prodotti di cui l’utente ha bisogno.

Ciò permette di sollevare il farmacista dal compito di gestire manualmente la chat e dover controllare per ogni ordine la disponibilità del prodotto nel proprio magazzino: anche qui l’ordine è istantaneo e la procedura necessita solo di pochi minuti, evitando lunghe attese fuori dalla farmacia, particolarmente rischiose in questo periodo e più in generale noiose durante tutto l’anno.

L’App poi, oltre alla possibilità di ricercare prodotti, consente al consumatore anche di effettuare un vero e proprio acquisto direttamente da WhatsApp, senza mai dover uscire dalla App.

«Questa soluzione è perfetta per tutte quelle farmacie o parafarmacie che ancora non possiedono uno store digitale, ma che vogliono comunque offrire alla propria clientela la possibilità di ordinare direttamente da smartphone», spiegano i tre fondatori di Farmakom, Andrea Mangilli, Massimiliano Misseri e Alberto Trussardi.

Grazie a Facebook Messenger e Whatsappp integrati con la farmacia digitale, ogni cliente potrà cercare nel catalogo e trovare i farmaci desiderati come se fosse nel punto vendita fisico, grazie alla sincronizzazione in tempo reale con gestionale e magazzino che garantisce disponibilità sempre aggiornate. Il cliente potrà facilmente ordinare farmaci dal proprio smartphone, per poi comprarli direttamente con carta di credito o ritirarli in farmacia.

L’idea alla base del servizio è quella di ridurre le distanze tra consumatore e farmacista, rendendo la farmacia digitale uno spazio sempre più interattivo e vicino a tutti i cittadini, cercando di andare incontro alle diverse esigenze e garantendo in questo modo tempi di risposta e servizi più rapidi ed efficaci. Il tutto senza dimenticare le fasce della popolazione più deboli, come gli anziani, che hanno in questo modo la possibilità di ricevere maggiore assistenza e attenzione dalle farmacie garantendo allo stesso tempo maggior sicurezza.

Dario De Martino

Nato all'ombra del Vesuvio il 18 marzo 1994, dopo la maturità classica e la laurea in scienze politiche alla Federico II diventa giornalista professionista lavorando per il "Roma", la testata più antica del Sud Italia. Sin da giovane racconta il mondo e le sue evoluzioni dall'osservatorio che definisce "privilegiato di una città unica per tanti aspetti e, seppur legata alle sue tradizioni, pronta ad adeguarsi alle nuove velocità del globo".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button