Università

La parità di genere passa per la comunicazione corretta. Il corso all’UniInsubria

Favorire la parità di genere sul lavoro e non solo, formando figure professionali preparate ad affrontare una delle maggiori sfide per una società inclusiva. E farlo a partire dalle parole che si utilizzano tutti i giorni, considerando la comunicazione come elemento essenziale del modo di definire il mondo, i ruoli e le persone. Proprio a partire dal genere.

È l’obiettivo dell’Università dell’Insubria (VA) che ha organizzato un corso di alta formazione aperto non solo agli studenti ma anche a tutti coloro che sono interessati: si tratta del percorso di formazione «La comunicazione di genere nel lavoro e sul web», online a partire dal 16 novembre prossimo.

La parità di genere declinata nella realtà

L’obiettivo del corso è fornire le conoscenze e le competenze professionali di genere per rendere competitiva la componente femminile nell’ambito del mercato del lavoro nel privato, nel pubblico e nel mondo associativo, facilitando ogni aspetto di parità nelle diverse forme di accesso e prestazione lavorativa.

I momenti di ripresa economica che vengono auspicati, saranno verosimilmente avviati all’insegna della competizione produttiva e professionale e, soprattutto, in relazione a competenze digitali, social e promozionali, in ogni settore di attività.

Per accedere alle politiche di parità di genere, soprattutto in ambito professionale, si richiede ormai il possesso di conoscenze e competenze adeguate alle grandi e prossime ere delle trasformazioni ambientali, digitali e dei servizi, nei confronti delle quali la comunicazione rappresenterà trasversalmente l’asse portante di ogni settore.

La realtà epidemica, sociale ed economica, che stiamo attraversando ha messo in luce come la condizione femminile abbia segnato ulteriori forme regressive sia in termini occupazionali e professionali, sia in termini esistenziali.

Infatti, non bastano solo le leggi come quella approvata da poco al Senato: come disse non molto tempo fa il Ministro alle Pari Opportunità Bonetti,

“Oggi le donne pagano un elemento di disparità in ingresso e questo costo va sostenuto dalla collettività perché la parità è un valore per tutti, non solo un diritto da tutelare”.

Importante, dunque, che i primi passi per la parità di genere nel mondo del lavoro e nella comunicazione si muovano proprio a partire dal grembo universitario: il corso è organizzato dal professor Giulio Facchetti, presidente di Scienze della comunicazione, e sovvenzionato dalla Provincia di Varese tramite l’ufficio della Consigliera di parità, Anna Danesi, in collaborazione con la Cattedra Unesco dell’Insubria «Gender equality and women’s rights in the multicultural society», di cui è titolare Barbara Pozzo.

In cattedra docenti Insubria come Paola Biavaschi, Valentina Jacometti, Roberta Pezzetti, Alessandra Vicentini, Franz Foti, Alberto Martina, Paolo Bozzato, Paolo Nitti, Francesco Colombo; ma anche professionisti del settore come Alessandra Bacci e Christian Contardi di Shakazamba.

 «Il corso aiuterà i lavoratori nel campo pubblico e privato a implementare le proprie conoscenze nell’ambito della comunicazione di genere, un settore oggi divenuto essenziale» dichiara il direttore del corso Giulio Facchetti.

La comunicazione di genere nel lavoro e sul web | F-Mag La parità di genere passa per la comunicazione corretta. Il corso all'UniInsubria

Il corso avrà durata di 42 ore di lezioni online in un’alternanza di pratica e teoria. Grazie alla sovvenzione dell’Ufficio della Consigliera di parità di Varese è stato possibile rendere il corso accessibile a molti: è rivolto a operatori del mondo sanitario, giuridico, politico, amministrativo, imprenditoriale, delle libere professioni, dei profili educativi, degli studenti universitari e a ogni lavoratore/lavoratrice che voglia generare valore aggiunto professionale, personale e collettivo.

Si rivolge anche a coloro che sono in cerca di ricollocazione lavorativa o che aspirino a ricercare una prima posizione di lavoro in qualsiasi ambito. Per maggiori informazioni, si può visitare la pagina dedicata.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button