EconomiaIstituzioniSociale
Trending

Indennità DL Sostegni Bis, ecco quando fare domanda per il contributo

L’indennità per il DL Sostegni Bis si è finalmente sbloccata: dopo l’erogazione dei contributi a fondo perduto automatici per coloro che avevano già ricevuto la prima tranche di ristori con il primo DL Sostegni – i bonifici sono partiti la scorsa settimana – adesso finalmente c’è una data anche per la seconda ondata di indennità.

L’Inps comunica, con la circolare n. 90/2021 , di aver attivato il servizio per la presentazione della domanda di indennità Covid-19 prevista dal Decreto Sostegni Bis.

Indennità, quali beneficiari

Della seconda tranche di contributi beneficeranno: i lavoratori stagionali e somministrati dei settori del turismo e degli stabilimenti termali; gli stagionali e somministrati appartenenti a settori diversi da quelli del turismo e degli stabilimenti termali; i lavoratori intermittenti, autonomi occasionali, incaricati di vendita a domicilio e subordinati a tempo determinato dei settori del turismo e degli stabilimenti termali. E ancora: i lavoratori dello spettacolo, gli operai agricoli a tempo determinato, i pescatori autonomi.

La misura di sostegno prevede l’erogazione di una indennità pari a 1.600 euro, 800 euro (agricoli) o 950 euro (pescatori), a seconda dei casi. I lavoratori già beneficiari dell’indennità prevista dal Decreto Sostegni (decreto legge 41/2021) stanno ricevendo il pagamento senza dover presentare una nuova domanda. I lavoratori che, viceversa, non hanno beneficiato dell’indennità del Dl Sostegni, possono presentare la domanda per il riconoscimento della nuova prestazione.

Il termine di presentazione delle domande di tutte queste prestazioni, su concorde parere ministeriale, è stato fissato al 30 settembre 2021 sul portale dell’INPS, esclusivamente in via telematica, utilizzando i consueti canali messi a disposizione per i cittadini e per gli Istituti di patronato sul portale web dell’Istituto.

Le credenziali di accesso ai servizi per le nuove prestazioni sopra descritte sono:

• PIN INPS (si ricorda che l’INPS non rilascia più nuovi PIN a decorrere dal 1° ottobre 2020);

• SPID di livello 2 o superiore;

• Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);

• Carta nazionale dei servizi (CNS).

In alternativa al portale web, le indennità di cui alla presente circolare possono essere richieste tramite il servizio di Contact Center integrato, telefonando al numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button