Tecnologia

Netflix apre al gaming: i possibili scenari

La società che incarna il SVOD sarebbe a un passo dal chiudere con un top-manager per affidargli il comparto videogame. Quale futuro ci attende?

Netflix cambierà ancora. Si chiamano (OTT) Over-the-Top e il nome rende bene l’idea: sono quelle piattaforme che forniscono servizi direttamente su Internet, scavalcando tutto e tutti (infrastrutture e normale distribuzione). La definizione è ancora un po’ fumantina, ma non è un caso che pian piano le OTT platform siano lentamente diventate sinonimo di SVOD (subscriptional video-on-demand). Realtà come Netflix incarnano perfettamente lo spirito dell’over-the-top ed oggi si indicano con le OTT veri e propri colossi (si veda ai servizi di Amazon Prime o alle tv del gruppo Facebook, o a YouTube) del web.

Netflix, soprattutto, è da considerarsi un precursore in tal senso: ha puntato sui servizi su sottoscrizione di abbonamento quando il web non esprimeva certo chiare indicazioni sul successo di questa formula. Il brand è diventato emblematico di un intero mondo di servizi. E oggi che la concorrenza si fa sempre più agguerrita, e top-player come Disney+, Amazon e gli altri si contendono diritti sportivi e esclusive suggestive sulle produzioni, Netflix… punta al gaming.

I rumors dei giorni scorsi infatti indicano che la società fondata da Reed Hastings sia in procinto di assumere un top manager per affidargli il settore dei videogame. Al momento non è dato sapere altro, se non che la società è interessata a un settore che negli ultimi tempi vive una nuova giovinezza e a cui si guarda con estremo interesse.

Proprio vista la capacità di intercettare il cambiamento e in un certo senso dettarlo, è interessante comprendere cosa voglia dire una Netflix che investe nel videogame. L’idea meno quotata è quella della produzione, che tra l’altro si rincorre già da qualche anno dopo gli spin-off totalmente videoludici di Strangers Thing che – però – sembravano più operazioni di marketing che reali dichiarazioni d’intenti, quelle di entrare in un mercato comunque affollatissimo.

Secondo le testate di settore straniere, invece, è molto più probabile immaginare un qualcosa che somigli ad Apple Arcade e che possa essere fruito over-the-top, appunto. Magari sulle nostre smart-TV in un’esperienza non più limitata dallo strumento a nostra disposizione. Si tratta di una sfida che sulla carta sembra semplice, nulla di nuovo: esattamente come quelle che Netflix finora ha affrontato impattando notevolmente nel quotidiano del consumatore e nell’immaginario collettivo.

L’obiettivo finale resta sempre lo stesso: trasformare l’intrattenimento digitale in un’esperienza ancor più interattiva. L’interazione è la parola chiave e in questo senso i film interattivi (altro prodotto in cui a volerci pensare Netflix non ha inventato nulla: chi si ricorda i libro-gioco o i fumetti di quanto eravamo più piccoli?) come Black Mirror Bandersnatch hanno chiaramente indicato in che direzione vuole spingersi la OTT: accantonare una esclusiva fruizione passiva della stessa.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button