Istituzioni

Lavoro e innovazione, al via il Patto per la PA

Il lavoro e l'innovazione sono al centro del patto stipulato fra Governo e parti sociali per il settore della Pubblica Amministrazione

È stato firmato oggi dal Governo e dai sindacati il “Patto per l’innovazione del lavoro pubblico e la coesione sociale“.

Il premier Mario Draghi e il ministro della Pubblica amministrazione, Renato Brunetta, con i segretari generali di Cgil, Cisl e Uil, Maurizio Landini, Luigi Sbarra e Pierpaolo Bombardieri, hanno firmato l’intesa che è il primo passo per un’accelerazione sul piano dell‘innovazione della pubblica amministrazione.

Come sottolinea Palazzo Chigi «il patto individua la flessibilità organizzativa delle pubbliche amministrazioni e l’incremento della loro rapidità di azione come obiettivi fondamentali di un processo di rinnovamento che le parti si impegnano a perseguire, con particolare riferimento a tre dimensioni: il lavoro, l’organizzazione e la tecnologia».

I punti del Patto: lavoro, innovazione, formazione

Tra gli elementi del patto c’è uno specifico punto sullo smart working: «Con riferimento al lavoro agile, nei futuri contratti collettivi nazionali dovrà essere definita una disciplina normativa ed economica che garantisca condizioni di lavoro trasparenti, che favorisca la produttività e l’orientamento ai risultati, conciliando le esigenze delle lavoratrici e dei lavoratori con le esigenze organizzative delle pubbliche amministrazioni», si legge nell’accordo.

Ma non solo smart working. La digitalizzazione è soprattutto formazione del personale alla nuova era. «Il Governo si impegna a definire politiche formative di ampio respiro, con particolare riferimento al miglioramento delle competenze digitali e di specifiche competenze avanzate di carattere professionale. Formazione e riqualificazione assumeranno il rango di investimento strategico e non saranno più considerati come mera voce di costo», si legge in un altro punto fondamentale dell’intesa.

«La pandemia e il piano di rilancio e resilienza richiedono nuove professionalità e nuove forme di lavoro. Nuove professionalità richiedono investimenti e nuove regole. Questo è quello che oggi stiamo cominciando», le parole di Draghi che accoglie con soddisfazione l’intesa raggiunta.

«Se il settore pubblico non funziona la società diventa più ingiusta, più fragile. I lavoratori pubblici hanno un ruolo centrale. Questo è sempre vero ma è ancora più vero con la pandemia», aggiunge Draghi.

L’ex numero uno della Bce sottolinea infine l’importanza della formazione e le carenze su questo punto che vive l’Italia: «Per la formazione della pubblica amministrazione, si spendono ben 48 euro a persona, e lo dico ironicamente, c’è un solo giorno dedicato alla formazione del personale pubblico».

Dario De Martino

Nato all'ombra del Vesuvio il 18 marzo 1994, dopo la maturità classica e la laurea in scienze politiche alla Federico II diventa giornalista professionista lavorando per il "Roma", la testata più antica del Sud Italia. Sin da giovane racconta il mondo e le sue evoluzioni dall'osservatorio che definisce "privilegiato di una città unica per tanti aspetti e, seppur legata alle sue tradizioni, pronta ad adeguarsi alle nuove velocità del globo".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button