Società

Women’s History Month, i social diventano spazio per l’empowerment femminile

Small business ed eccellenze al femminile: Instagram, Facebook, Messenger aderiscono al Women’s History Month.

Marzo è il mese dedicato alle donne, non solo per la ricorrenza dell’8 che le vede protagoniste, ma anche per il Women’s History Month che quest’anno, con la pandemia ancora in corso in ogni angolo del mondo, attribuisce un ruolo particolare ai social network.

Le piazze virtuali di FacebookInstagram e Messenger diventano uno spazio in cui discutere di uguaglianza di genere, di empowerment femminile e di discriminazione.

Perché nonostante il calendario indichi che siamo nel 2021 le donne, in diverse parti del mondo, hanno ancora bisogno di battagliare per ottenere ciò che in altri punti del globo è un diritto inalienabile, almeno sulla carta.

Il Women’s History Month

Nasce in America ed è semplicemente il “mese della storia delle donne” che si celebra fin dal 1981 a marzo. Un appuntamento annuale per ricordare e promuovere tutte quelle donne che con il proprio talento e le proprie capacità, competenze e intuizioni hanno ottenuto risultati tali da incidere profondamente su tutti i settori chiave.

Dalla ricerca alla medicina passando per la politica, l’economia, il sociale fino all’arte e alla letteratura, non c’è campo in cui non sia impressa l’impronta di una donna.

Ma il Women’s History Month non è solo una commemorazione, oggi è anche un’occasione utile a promuovere nuove piccole realtà imprenditoriali al femminile.

Le iniziative social

La piattaforma Facebook ha lanciato dall’account @shop una selezione di prodotti realizzati e venduti esclusivamente da artigiane e imprenditrici. Un modo per incoraggiare le donne che hanno un sogno o un’idea imprenditoriale a realizzarla.

In Paesi come l’Asia, l’America Latina e il Nord America tra le attività promosse ci sono i corsi e workshop nati nell’ambito della V edizione #SheMeansBusiness dedicati alle donne che vogliono far crescere il proprio business grazie al digitale.

In EuropaAfrica e Medio Oriente, invece, il tema centrale è quello dell’uguaglianza di genere sviluppato nell’eBook ‘motivazionale’ che sarà possibile scaricare gratuitamente dall’8 marzo in poi.  

Per quanto riguarda Messenger, l’illustratrice Jade Purple Brown ha dato vita ad una serie di sticker dedicati alle donne con l’obiettivo di portare gli utenti social a discutere di uguaglianza di genere ed empowerment femminile. 

“Ho collaborato per creare una maglietta di Progetto WE in onore della Giornata Internazionale della Donna. E’ un momento per onorare non solo le fantastiche donne che conosciamo, ma anche la rete collettiva delle donne. Attraverso questa iniziativa, 1 milione di dollari sarà donato per sostenere programmi di artisti giovanili nelle nostre comunità”.

 Jade Purple Brown

Instagram, invece, mette a disposizione dei propri iscritti una serie di nuovi sticker per le stories realizzati dalle cinque illustratrici e designer Linoca SouzaManon LouartMonica ObagaRosa Kusabbi e Reya Ahmed che hanno creato un soggetto in onore delle donne che lavorano nel settore sanitario e che sono in prima linea nel contrasto alla pandemia.

 “E’stato uno degli anni più difficili della storia umana – ha detto la Ahmed – sia dal punto di vista ambientale che politico, ho voluto mettere in evidenza le donne che hanno affrontato tutto ciò, resistendo e superando tutte le avversità”. 

Dopo il Women’s History Month a maggio partirà il programma di tre giorni del Next Generation Women Leaders EMEA (Europa, Medio Oriente e Africa) con un evento virtuale di tre giorni dal 6 all’8 maggio durante i quali le partecipanti, attraverso workshop interattivi, avranno la possibilità di lavorare e confrontarsi con diversi facilitatori per individuare il proprio stile di leadership professionale. 

Loredana Lerose

Giornalista pubblicista, laureata in sociologia. Di origine lucana, trapiantata a Napoli da più di vent'anni, appassionata di danza, teatro, letteratura e psicologia. Scrive per il quotidiano Cronache di Napoli dal 2009.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button