Tecnologia

Gas, carburanti e affitto: le tematiche più discusse su Twitter

In un clima di costante incertezza, su Twitter gli utenti discutono su quali possano essere le soluzioni più efficaci da adottare per arginare gli aumenti di energia, prodotti e materie prime. Le persone si aspettano che i governi promuovano un cambiamento sociale mettendo in atto politiche che riescano a contenere l'impatto del costo della vita sui cittadini

Costo dell’energia, dei carburanti e dell’affitto di casa sono i trend topic più discussi su Twitter a livello mondiale riguardanti il costo della vita. I tweet in cui sono state usate le parole chiave relative a questa tematica sono aumentati del 130% negli ultimi mesi, e in particolare energia e carburanti hanno occupato il 67,9% delle conversazioni degli utenti sui beni essenziali, mentre l’affitto è stato conversato cinque volte di più rispetto alle problematiche inerenti i mutui.

È quanto emerge dall’analisi eseguita da Talkwalker, multinazionale di Consumer Intelligence che assiste con tecnologia proprietaria di listening basata sull’IA (intelligenza artificiale) oltre 2.500 brand, sul tema della Customer, Social e Market Intelligence, sulle oltre 16 milioni di conversazioni effettuate su Twitter, in merito all’inflazione e ai conseguenti cambiamenti economici a livello globale.

Dal report viene evidenziato come si stiano moltiplicando le conversazioni sul costo della vita, in particolare tra le nuove generazioni. “Abbiamo rilevato che gli utenti della fascia demografica più giovane discutono più attivamente su Twitter di questa tematica. Nello specifico la fascia d’età 25-34 anni ha condotto il 46% delle conversazioni su questo argomento – commenta Francesco Turco, Marketing Manager Italy di Talkwalkercon un picco percentuale del +144.”

Riscaldamento, benzina e affitto le preoccupazioni del popolo di Twitter

Due topic in particolare sono quelli dominanti: i costi dell’energia e del carburante sono, infatti, le principali conversazioni su Twitter. Da un lato il gas è un tema fortemente discusso poiché riguarda l’aumento dei costi del combustibile per il riscaldamento e dall’altro la benzina tiene banco tra i tweet per l’aumento del costo dei carburanti. “Legato proprio a quest’ultimo punto – sottolinea Francesco Turco di Talkwalker – negli ultimi 12 mesi abbiamo assistito ad un aumento delle menzioni che hanno preso in esame i veicoli elettrici, come mezzi alternativi da utlizzare per contrastare il caro-carburanti, ma andando ad analizzare nel dettaglio il Sentiment, ovvero il tenore dei vari commenti monitorati, abbiamo notato come molte di quelle menzioni avessero una connotazione negativa. Le espressioni più comuni utilizzate, infatti, sono state ‘posso a malapena permettermelo’ e ‘non posso permettermelo’.

Ma non solo energia, anche i costi da sostenere per la casa tengono sempre più banco tra i tweet mondiali legati al costo della vita. Le problematiche riguardanti l’affitto infatti sono il terzo tema più discusso su Twitter, menzionate ben 5 volte di più di quelle che riguardano i mutui, questo dovuto alle maggiori difficoltà che gli affittuari devono affrontare con i crescenti costi.

#TaxTheRich e #SaveMoney i topic in forte ascesa

In un clima di costante incertezza, su Twitter gli utenti discutono su quali possano essere le soluzioni più efficaci da adottare per arginare gli aumenti di energia, prodotti e materie prime. Le persone si aspettano che i governi promuovano un cambiamento sociale mettendo in atto politiche che riescano a contenere l’impatto del costo della vita sui cittadini. “Dal nostro monitoraggio – continua Francesco Turco, Marketing Manager Italy di Talkwalker – abbiamo rilevato come circa il 15% di tutte le conversazioni Twitter sul costo della vita menzionino le tasse.Tra queste l’hastag #TaxTheRich è uno dei trend emergenti, con un aumento del 193,7% rispetto all’anno precedente. Ma non solo, perché per contrastare il costo della vita, gli utenti delle community di Twitter condividono sempre più consigli per risparmiare, compresi coupon e sconti. Non è un caso che le menzioni #SaveMoney o hashtag simili abbiano raggiunto il 17% su base annua.”

Brand sotto la lente per le politiche di prezzo

In conclusione da tenere in considerazione un interessante aspetto che emerge dall’analisi Talkwalker e che coinvolge aziende, brand e prezzi. I consumatori si aspettano che i prezzi rimangano quanto più equi possibili, accettando un aumento a patto che sia il risultato di un processo onesto, dovuto all’aumento dei costi dei materiali o dei salari e comunicato con tempestività e trasparenza.

Altrimenti il rischio è quello che venga percepito come una mera speculazione a spese dei clienti stessi.  “Le menzioni dei brand e l’espressione speculazione – conclude Francesco Turco di Talkwalker sono aumentate significativamente a maggio 2022, abbiamo registrato, infatti, un +185% rispetto al picco precedente di menzioni ad agosto 2021. Un dato significativo che fa comprendere molto bene quanto la questione dell’aumento dei prezzi sia un argomento molto sentito dai consumatori e che brand e aziende non possono ignorare se vogliono mantenere la fiducia dei loro clienti nel lungo periodo”.

Romolo Napolitano

Giornalista professionista dal 2011 è stato, non ancora trentenne, caporedattore dell’agenzia di informazione videogiornalistica Sicomunicazione. Ha lavorato 3 anni negli Stati Uniti in MSC. Al suo ritorno in Italia si è occupato principalmente di uffici stampa e comunicazione d'impresa. Attualmente è giornalista, copywriter e videomaker freelance. Si occupa, tra le altre cose, di tecnologie, nautica e sociale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button