Interviste

Gli ERP per migliorare la work experience e il business aziendale: il parere dell’esperto

"La transizione digitale quasi ci impone di far parte di una organizzazione inter funzionale, In questo scenario, è indispensabile che i dati e le informazioni siano condivisibili velocemente all’interno dell’azienda e pertanto è indispensabile una completa integrazione gestionale, assicurata proprio da un sistema ERP".

La trasformazione tecnologica, tanto cara ai temi dell’Industria 4.0 e al concetto di transizione digitale, nelle aziende passa anche per la riorganizzazione e la reingegnerizzazione dei processi. Sono sempre più diffusi, infatti, i software gestionali e gli Enterprise resource planning (ERP) che le imprese possono utilizzare per gestire le attività commerciali quotidiane, come ad esempio contabilità, procurement, project management, gestione del rischio e compliance e operations per la supply chain. Dell’utilizzo degli ERP in azienda ne abbiamo parlato con Salvatore Somma, Consulente ERP e CFO di Fortress Lab SRL.

Dott. Somma, chiariamo un punto: tutte le aziende possono dotarsi di un ERP o di un software gestionale?
“Gli ERP sono diventati uno strumento importantissimo per le aziende di tutti i settori merceologici e di servizio. Oggi giorno per qualsiasi azienda che desideri far crescere il suo business e tenere sotto controllo i flussi gestionali, quindi non solo per il settore manifatturiero, sarebbe impensabile approcciare il mondo dell’Industry 4.0 senza un buon sistema ERP a supporto. Inoltre gli ERP non sono più prerogativa delle grandi aziende ma ormai sono accessibili anche alle PMI e Microimprese. Tra i vantaggi di un sistema ERP possiamo sicuramente dire la centralizzazione dei dati in un singolo database e dell’integrazione dei processi aziendali. Tra gli svantaggi di un sistema ERP a volte può esserci la resistenza al cambiamento da parte delle strutture aziendali”.

Qual è la differenza fra un “semplice” gestionale e un ERP?
“Le differenze tra i due sistemi sono significative. Sia in termini di struttura, sia in termini di utilizzo all’interno delle realtà aziendale. A differenza dei gestionali tradizionali, che, a seconda delle necessità, possono essere progettati a compartimenti stagni, per svolgere operazioni relative a un solo processo, gli ERP sono composti da più applicativi, ognuno dei quali costituito da diversi moduli, dedicati a una funzione specifica. Questo permette di disporre della visione d’insieme di quello che l’azienda sta facendo e non solo di una specifica area aziendale. Un ERP viene costruito ed adattato per seguire i processi aziendali, per supportare tutti i reparti aziendali nelle loro attività seguendo determinate logiche di flusso. Un software gestionale, invece, non è parte integrante dei flussi organizzativi di un’azienda, ma si limita alla consuntivazione delle attività”.

Quanto migliorano realmente i flussi di lavoro? Sono in grado di offrire soluzioni altamente performanti?
Molte imprese italiane sono ferme al confusionario e onnicomprensivo foglio di Excel, nel quale finiscono in modo del tutto destrutturato le informazioni gestionali del business, con un’alta probabilità di errori e  perdita di tempo. Dunque sicuramente notiamo da subito una diminuzione del tasso di rischio: con una maggiore integrità dei dati e dei controlli finanziari si ottiene un margine di rischio molto più basso. Altro punto fondamentale è la riduzione dei costi operativi: il miglioramento dell’efficienza gestionale porta alla definizione di processi aziendali più mirati, definiti e veloci con relativi risparmi di tempo e costi.

Gli ERP migliorano anche l’efficienza del management aziendale: il poter disporre in tempo reale, in modo completo e facilmente accessibile tutti i dati e le informazioni permette alla direzione aziendale di pianificare le migliori strategie in minor tempo. Tra le aziende che hanno scelto e quindi poi utilizzato un ERP e possiamo ad esempio citare il settore alimentare dove è importante e necessario gestire la tracciabilità e rintracciabilità dei prodotti. A tal proposito un sistema ERP riesce a gestire tutto ciò che è davvero indispensabile per un azienda che rientra nel settore alimentare”.

E con la supply chain come funziona?
“Tracciabilità con sistemi ERP significa, allora, avere un colpo d’occhio complessivo sulla supply chain. In questo modo si riesce a ottenere un sistema di tracciabilità verificabile e, quindi, a permettere la rintracciabilità del prodotto. La tracciabilità con sistemi ERP, insomma, diventa più semplice: di più, è possibile utilizzarla non solo per le operazioni di controllo, ma anche per ottimizzare la supply chain. Nel settore alimentare il lotto e la sua relativa scadenza sono dati fondamentali e con un sistema ERP in base al lotto è possibile  consentire la rintracciabilità delle informazioni all’interno di tutto il flusso dei documenti e dei movimenti di magazzino. Infatti, da un qualsiasi documento è possibile ritrovare tutti i lotti collegati, con la possibilità di analizzarne l’origine o la destinazione”.

Parliamo di transizione digitale e trasformazione tecnologica: quanto rende competitiva un’azienda, in questi termini, dotarsi di un ERP?
“La transizione digitale quasi ci impone di far parte di una organizzazione inter funzionale, In questo scenario, è indispensabile che i dati e le informazioni siano condivisibili velocemente all’interno dell’azienda e pertanto è indispensabile una completa integrazione gestionale, assicurata proprio da un sistema ERP. L’adozione di un ERP alimenta la crescita e la competitività dell’impresa grazie all’automazione, all’intelligenza e alla funzionalità che il software apporta a tutte le operations integrando e rendendo quindi più efficaci e funzionali tutte le aree e i processi aziendali”.

Gli ERP sono un modello uguale per tutti o è possibile lavorare in direzione di indicazioni specifiche dell’azienda per migliorare la work experience?
“Gli ERP massimizzano il loro vantaggio quanto più si prestano ad una flessibilità di utilizzo. Questo spesso si traduce nella possibilità di accogliere le personalizzazioni abbinate al proprio ambito specifico, Nella mia esperienza di consulente mi sono trovato spesso a proporre ad un cliente un ‘addon’ specifico per una determinata funzionalità, ed il risultato è stato sicuramente vincente. In Fortress lavoriamo congiuntamente ad un team di sviluppo per creare soluzioni perfettamente integrate con i principali ERP in commercio.

Ad esempio abbiamo aiutato aziende di distribuzione ad integrare una gestione della logistica con Modula ad un ERP di alta fascia, così come abbiamo integrato moduli e funzionalità tipiche  di contabilità  italiana in aziende che utilizzavano un ERP a connotazione internazionale, e ancora abbiamo sviluppato un modulo WMS altamente performante che si integra perfettamente a qualsiasi ERP in uso in azienda.

Quello che offriamo ai clienti sono anche le personalizzazioni intese in termini di customizzazion del sistema ERP che vanno a ridurre gli errori dell’utente, in tal caso quindi proponiamo dei controlli o dei blocchi che portano ad una maggiore efficienza per l’operatività quotidiana. Questi sono solo una parte delle customizzazioni integrabili con gli ERP che servono a migliorare non solo la work experience ma proprio il business aziendale”.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Condirettore di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button