Ricerca

Biodiversa+, da settembre riapre nuovo bando di ricerca europeo da 40mln

Il budget complessivo è di 40 milioni di euro mentre quello stanziato dal MUR per i partner italiani è di 3 milioni (1 milione di Fondi nazionali e 2 milioni di Fondi strutturali ancora da confermare) nella forma del contributo a fondo perduto (massimo 250.000,00 € per progetto).

In arrivo a settembre il secondo bando di Biodiversa+, la partnership europea co-finanziata per la ricerca sulla diversità, la tutela degli ecosistemi e l’adozione di nature-based solutions.

Biodiversa+ coordina i programmi di ricerca dell’Unione Europea e di 37 Stati europei, mobilitando le principali autorità ambientali, i Ministeri della ricerca e le istituzioni di finanziamento europee nonché le agenzie di protezione ambientale come partner chiave per l’attuazione della ricerca e dell’innovazione sulla biodiversità. Biodiversa+ ha cinque obiettivi generali:

  • migliorare il monitoraggio della biodiversità e dei servizi ecosistemici in tutta Europa (stato e tendenze);
  • generare conoscenze fruibili per affrontare i fattori diretti e indiretti della perdita di biodiversità;
  • ampliare e migliorare le conoscenze di base e accelerare lo sviluppo e l’ampia diffusione di NbS per affrontare le sfide della società in tutta Europa;
  • rendere economicamente sostenibile e conveniente la conservazione e il ripristino della biodiversità;
  • garantire un supporto scientifico efficiente per l’elaborazione delle politiche in materia di biodiversità in Europa.

L’agenda strategica per la ricerca e l’innovazione (SRIA) adottata da Biodiversa+, per il settennato 2022-2028, comprende sei bandi cofinanziati per progetti di ricerca, con un valore di circa 40 milioni di euro ciascuno. Il MUR ha aderito con un impegno finanziario complessivo indicativo di 17 milioni di euro.

Il bando Biodiversa+ in arrivo a settembre

Aprirà il giorno 8 settembre il bando “Improved transnational monitoring of biodiversity and ecosystem change for science and society” che invita a presentare proposte progettuali riguardanti uno o
più dei tre seguenti temi (non esclusivi):

• Innovation and harmonisation of methods and tools for collection and management of biodiversity monitoring data;
• Addressing knowledge gaps on biodiversity status, dynamics, and trends to reverse biodiversity loss;
• Making use of available biodiversity monitoring data.

Sono ammissibili tutti gli ambienti (terrestre, d’acqua dolce interna comprese le zone umide e ambienti marini) e la call è rivolta a consorzi composti da organismi di ricerca e/o organizzazioni private (profit
e non profit), provenienti da un minimo di 3 Paesi, tra i quali almeno due Stati membri dell’Eurozona
o Paesi associati a Horizon Europe.

Il bando prevede una procedura di presentazione delle proposte progettuali in due fasi con una data di chiusura per le proposte preliminari (pre-proposal) all’inizio di Novembre 2022. I consorzi che avranno superato la prima fase di valutazione delle proposte preliminari, saranno invitati dal Call Secretariat a presentare le proposte complete (full proposal) con scadenza Aprile 2023.

Il budget complessivo è di 40 milioni di euro mentre quello stanziato dal MUR per i partner italiani è di 3 milioni (1 milione di Fondi nazionali e 2 milioni di Fondi strutturali ancora da confermare) nella forma del contributo a fondo perduto (massimo 250.000,00 € per progetto).

Le istruzioni relative alle modalità di presentazione delle proposte, all’ammissibilità e ai criteri di valutazione e tutte le altre informazioni pertinenti saranno pubblicate con l’annuncio ufficiale del bando ma il 20 Settembre 2022 dalle 4:30 PM (CEST) sarà organizzato un webinar informativo per i potenziali candidati. Per partecipare al webinar è necessario registrarsi al link disponibile

Per questo bando è disponibile lo strumento di “ricerca dei partner” che consentirà ai candidati di:

  • cercare un Partner per un progetto che vorrebbe presentare; o
  • cercare un Progetto a cui aderire.

I candidati dovranno semplicemente compilare un modulo di ricerca partner/progetto sulla seguente piattaforma: Biodiversa+ EPSS (etag.ee) Il modulo sarà quindi visibile sulla piattaforma e permetterà di cercare partner o progetti a cui aderire secondo diversi criteri: nazione, disciplina, parole chiave.

Per visualizzare l’avviso di pre-informazione clicca qui

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button