Impresa e Startup

Bando Startup DTC Lazio, progetti innovativi nella tutela del patrimonio culturale

Il 2022 si apre con il bando Startup DTC Lazio, che sostiene la realizzazione di progetti imprenditoriali finalizzati a sviluppare e portare sul mercato soluzioni tecnologicamente innovative nell’ambito della tutela e della valorizzazione del patrimonio e delle attività culturali.

Tali progetti devono essere realizzati da startup in fase di avviamento, ossia costituite da non oltre 54 mesi (4 anni e mezzo) alla data di presentazione della domanda.

Per il bando Startup DTC Lazio può essere ammesso un unico progetto per ciascuna società beneficiaria. Quest’ultima non deve rilocalizzarsi al di fuori del territorio della Regione Lazio nei 5 anni successivi alla data di erogazione del saldo del contributo, e al di fuori degli Stati appartenenti allo Spazio Economico Europeo nei 10 anni successivi a tale data.

Bando Startup DTC Lazio: i beneficiari

Per il bando Startup DTC è necessario possedere i seguenti requisiti al momento della presentazione della domanda:

  • essere una società di capitale iscritta al Registro delle Imprese da non più di 54 mesi (4 anni e mezzo);
  • essere una Piccola Impresa;
  • non avere rilevato l’attività di un’altra impresa costituita da più di 54 mesi;
  • non essere costituita a seguito di fusione a cui ha partecipato anche una sola impresa costituita da più di 54 mesi;
  • non essere costituita a seguito di scissione di un’impresa costituita da più di 54 mesi;
  • non avere ancora distribuito utili;
  • non essere quotata.

I progetti imprenditoriali per i quali è possibile ricevere i contribuiti per il bando Startup DTC devono:

  • riguardare la produzione e la commercializzazione di beni e servizi a forte contenuto innovativo, destinati o ricompresi nell’ambito dei beni e delle attività culturali, e con una prospettiva di sostenibilità nel lungo termine;
  • avere ricadute in termini di crescita del fatturato e occupazionali che siano riconducibili al territorio della regione Lazio;
  • contenere un ben delineato Piano di Attività, da realizzarsi al massimo entro 12 mesi dalla Data di Concessione, che prevede il raggiungimento di risultati concreti e verificabili;
  • coinvolgere nuove Risorse Umane Qualificate per almeno 860 ore complessive nella realizzazione del Piano di Attività.

Per Risorse Umane Qualificate si intendono quelle che possiedono al momento della presentazione della Domanda, almeno una delle seguenti caratteristiche:

– hanno ricevuto una borsa di studio o di ricerca, o altra forma di sostegno, equivalente o di maggior livello, erogata dal Centro di Eccellenza DTCLazio;
– sono giovani al di sotto dei 40 anni o donne di qualsiasi età, Laureati in discipline Tecnico Scientifiche o in discipline Umanistiche connesse ai Beni e alle Attività Culturali;
– sono giovani al di sotto dei 40 anni, o donne di qualsiasi età, che hanno maturato un’esperienza almeno triennale, comprovata da referenze, coerente con l’impegno previsto nel Piano di Attività.

La dotazione finanziaria del bando Startup DTC stanziata è di € 3.000.000,00.

L’aiuto previsto dal bando è un contributo a fondo perduto che ha natura di Aiuto di Stato. Il contribuito complessivo deve essere commisurato ai fabbisogni finanziari rappresentati nel Piano di Attività. Non saranno ritenuti ammissibili i progetti a cui è concedibile un contributo complessivo inferiore a Euro 30.000,00.

Come presentare domanda

Il bando Startup DTC prevede una procedura è “a sportello” ed è strutturato nelle seguenti fasi:

  • istruttoria formale;
  • valutazione;
  • concessione.

La Direzione Regionale assume con determinazione dirigenziale i provvedimenti di approvazione degli esiti della selezione (concessione), che saranno pubblicati sul BURL (Data di Concessione), nella sezione “Amministrazione trasparente” del sito della Regione Lazio, sul portale di Lazio Europa e sul sito web di Lazio Innova.

La domanda per la concessione di contribuiti dovrà essere presentata entro le ore 18.00 del 28 Luglio 2022.

Il Richiedente o un suo incaricato deve accedere alla piattaforma GeCoWEB Plus, accessibile dal sito web di Lazio Innova, società in house della Regione Lazio, e compilare l’apposito Formulario. Dopo la compilazione e dopo aver caricato i documenti previsti, il Richiedente deve completare la procedura utilizzando le funzionalità presenti nella maschera “Procedura di invio Domanda”, accessibile tramite l’apposito comando presente nella Scheda “Riepilogo Domanda”.

Redazione

Questo è lo spazio dedicato ai contenuti redazionali generici di FMag.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button