Impresa e Startup

Coderblock, dagli uffici in 3D ai metaversi interconnessi

"Il metaverso sarà per tutti una seconda opportunità di business e di crescita professionale, per aziende, utenti e creators. Sarà fondamentale perché l’approccio al virtuale consentirà di semplificare l’accesso al digitale, attraverso un universo virtuale che non sostituisca il fisico ma lo completi e ne aumenti le possibilità"

Qualche tempo fa avevamo già parlato di Coderblock, la PMI siciliana che si è buttata anima e corpo nella sfida del metaverso: non si è, infatti, fermata agli uffici tridimensionali e agli eventi, ma ha deciso di alzare l’asticella ancora un po’  prevedendo di iniziare il 2022 costruendo il suo primo metaverso virtuale con una tecnologia totalmente rinnovata.

Non solo: anche la base economica alle spalle risulta piuttosto solida. La rapida evoluzione di Coderblock, infatti, non conta solo un fatturato di +320 mila euro, che ha visto un incremento del +109% rispetto al 2020, ma guarda soprattutto alle nuove esigenze del mercato, in più settori, con l’obiettivo di diventare una piattaforma automatizzata per la creazione di esperienze virtuali e metaversi 3D interconnessi.

L’obiettivo, in altre parole, è quello di unire più ambienti virtuali in un unico metaverso, che avrà la forma di una città virtuale in cui muoversi con il proprio avatar tra esperienze di ogni genere, ma dando a tutti la possibilità accedere al mondo virtuale anche da smartphone, con un semplice click sul sito, senza installare software esterni e senza bisogno di supporti visivi.

L’evoluzione di Coderblock

In un solo anno Coderblock ha registrato un’evoluzione tecnologica significativa realizzando la nuova piattaforma SaaS, una tecnologia 3D proprietaria, scalabile e personalizzabile, che non ha bisogno di installazione ed è accessibile da qualsiasi browser per permettere alle aziende di creare e personalizzare il proprio ambiente virtuale senza conoscenze tecniche avanzate o l’intervento di sviluppatori o programmatori.

Non è un caso, infatti, che anche in Italia sia cresciuto l’interesse verso il nuovo mondo del metaverso, in più settori: secondo le previsioni di Grand View Research il mercato globale delle esperienze virtuali è infatti destinato a crescere ad un tasso di crescita annuo composto (Cagr) del 23,7% dal 2021 al 2028.

“Il metaverso sarà per tutti una seconda opportunità di business e di crescita professionale, per aziende, utenti e creators. Sarà fondamentale perché l’approccio al virtuale consentirà di semplificare l’accesso al digitale, attraverso un universo virtuale che non sostituisca il fisico ma lo completi e ne aumenti le possibilità.

Continueremo a migliorare la nostra interfaccia utente sia dal punto di vista grafico che delle funzionalità, per dare la possibilità alle persone di vivere una seconda vita in un universo virtuale parallelo, che sia però semplice e affidabile”, commenta Danilo Costa, Ceo e founder di Coderblock.

Il metaverso integrato

La PMI palermitana punta a far crescere la tecnologia per creare un metaverso condiviso in cui ampliare le opportunità di business per diversi settori. Dalle strutture ricettive agli ospedali per la telemedicina, dal settore immobiliare a quello Hr, fino al mondo dello spettacolo e della musica, il metaverso di Coderblock ospiterà una realtà parallela in grado di estendere i vantaggi della realtà fisica all’interno del virtuale.

Il metaverso così configurato sarà in grado di connettere tutti gli spazi virtuali in un unico ecosistema, una città in terza dimensione, appunto, dove sarà possibile acquistare delle land, ovvero dei pezzi di terra virtuali, diversi per costo e tipologia, in cui poter costruire attività differenti tra loro (cinema multisala, negozi, edifici, ospedali) e far vivere il proprio alter ego digitale.

Gli spazi saranno poi arricchiti con esperienze di varia natura, da mini giochi a vere e proprie attività della vita reale, riprodotte in scala 1:1. Ogni attività potrà prendere forma nella città virtuale, secondo lo scenario che l’utente cerca: si avrà quindi la città di periferia, la città del futuro o la città western, per fare degli esempi.

Coderblock conta di integrare al metaverso anche gli Nft, ovvero dei token non fungibili e acquistabili tramite l’utilizzo di diverse criptovalute in base al marketplace e al sistema di generazione su cui si poggiano, basati sulla blockchain, ovvero una sorta di registro contabile in grado di tracciare i beni commerciali digitali. Fornendo il diritto patrimoniale a un certo acquisto, sarà quindi possibile creare attività commerciali di diverse tipologie, dai negozi virtuali ai cinema multisala.

“Nella versione attuale del metaverso, così come lo abbiamo realizzato oggi, è già possibile creare un negozio in 3D che rimanda al proprio e-commerce, mettere annunci pubblicitari, organizzare classi virtuali, iniziative ed eventi nel proprio padiglione virtuale.

Con la nuova raccolta e il know how acquisito in questi anni puntiamo a creare, dall’Italia, qualcosa di unico e rivoluzionario. Il mercato di riferimento è attualmente quello italiano, ma l’obiettivo è di espandersi nel resto d’Europa e, subito dopo, nel Nord America, mercato di punta delle Virtual Experiences”, conclude Costa.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Condirettore di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button