Impresa e Startup

Cluster Fabbrica Intelligente e SkipsoLabs lanciano la prima call per startup e PMI

Cluster Fabbrica Intelligente, che aggrega i principali portatori d’interessi del manifatturiero avanzato (associazioni, università e centri di ricerca, Regioni) e SkipsoLabs, società che fornisce servizi di advisor e piattaforme tecnologiche per la creazione di ecosistemi virtuosi, hanno lanciato la Call for Innovation per identificare startup con cui avviare nuove partnership strategiche per favorire il matching tra aziende consolidate e startup per disegnare il futuro dell’industria italiana attraverso lo sviluppo di sperimentazioni tecnologiche sempre più all’avanguardia.

Lo scenario

Il progetto, lanciato nell’ottobre 2021, ha coinvolto non solo i rappresentanti del Cluster, ma anche più di 700 associati, università e partner, investigando le loro necessità di innovazione attivabili al di fuori dalla filiera tradizionale. In una prima fase, sono stati organizzati due workshop coordinati da Paolo Dondo, Technical Manager di Mesap e membro Organo di Controllo e di governo (Ocg) del Cluster, e da Guido Colombo, ceo di Orchestra e membro dei Gruppi Tematici Tecnico-Scientifici (Gtts) del Cluster.

Tra i numerosi partecipanti, diverse le aziende associate al Cluster, tra cui: Siemens, Dassault, Bosch Vit, Hsd, Nokia, Vibram, Autodesk, Cosberg, Oracle, i cluster Comet, Hit, Marche Manufacturing e Veneto Innovazione, il Politecnico di Bari, il Cnr ed Entopan.

Lo step successivo ha portato alla condivisione di un’Innovation Survey condivisa con tutti gli associati, e ha visto tra i partecipanti più attivi Whirlpool, Tenova, Biesse, Streparava, HSD e Fameccanica. L’Innovation Survey ha permesso a Cluster Fabbrica Intelligente e SkipsoLabs di determinare le focus area del progetto e confrontarle con le priorità della nuova RoadMap.

La Call for Innovation

La Call for Innovation identificherà gli innovatori nazionali che possano rivelarsi strategici per i membri del Cluster nelle seguenti aree:

  • miglioramento della interazione tra sistemi e operatori: nella nuova ottica di Human Centrality, la tecnologia viene percepita come fattore abilitante delle capacità umane e come un valido strumento per raggiungere l’obiettivo di benessere, di salute e di formazione nella Fabbrica;
  • sostenibilità dei processi manifatturieri: l’attenzione delle industrie verso la sostenibilità ambientale sta crescendo e sta modificando il modello industriale e i processi di produzione. La Fabbrica si propone come soluzione abilitante di un futuro più sostenibile attraverso l’implementazione di nuove tecnologie.

Tra le aree anche l’evoluzione della cooperazione delle filiere: la fabbrica del futuro è un luogo in cui la cooperazione tra i suoi diversi aspetti e settori diviene fondamentale l’introduzione di tecnologie digitali per condividere i dati, accelererà questa trasformazione.

Ogni startup sarà valutata per la fase di match-making: le startup ritenute prioritarie per almeno una delle aziende o dei partner del Cluster verranno messe direttamente in contatto con l’azienda. Obiettivo del progetto è proprio dare l’opportunità a tutti i membri del Cluster di entrare in contatto con l’ecosistema innovazione per stringere partnership e favorire collaborazioni e sviluppi di Proof of Concepts (PoCs) ad alto contenuto tecnologico.

Il ruolo strategico di SkipsoLabs, che supporta la creazione di ecosistemi di innovazione in tutto il mondo, permetterà a Cluster Fabbrica Intelligente di semplificare la gestione delle nuove opportunità di innovazione. Inoltre, la piattaforma tecnologica proprietaria, attivata per il progetto, ha permesso e permetterà di centralizzare i processi, rendendo più agile il matching e la collaborazione tra azienda manifatturiera e solutori innovativi.

Luca Manuelli, presidente del Cluster Fabbica Intelligente, commenta così l’iniziativa:

“Da sempre Cluster Fabbrica Intelligente porta avanti la sua missione inclusiva di sviluppare l’ecosistema collaborativo dell’innovazione e della sostenibilità del manifatturiero favorendo un’interazione costruttiva tra Università, centri di R&S, grandi aziende e PMI, grandi player tecnologici e startup, in una logica di Open Innovation che permetta di individuare le soluzioni tecnologiche e le competenze necessarie a valorizzare il ruolo centrale del capitale umano. In questa ennesima sfida il tema dell’innovazione per la sostenibilità costituisce il riferimento per supportare le trasformazioni della manifattura indirizzate dal Pnrr”.

“Siamo onorati di supportare Cluster Fabbrica Intelligente in questo progetto di Co-Innovazione dedicato all’integrazione del mondo innovazione non solo nelle grandi aziende, ma anche nelle piccole e medie imprese dell’industria italiana – aggiunge Carlo Soresina, cofondatore e ceo di SkipsoLabs. SkipsoLabs crede nella possibilità di rendere accessibile l’approccio Open Innovation anche all’interno delle pmi italiane”.

La call è aperta alle startup e PMI italiane che sviluppano soluzioni sulla base di modelli di business sostenibili e originali, in linea con la strategia di Cluster Fabbrica Intelligente e dei suoi associati. Le startup interessate dovranno inviare la propria candidatura sulla piattaforma di innovazione entro il 30 gennaio 2022.

I candidati saranno valutati da rappresentati delle aziende associate, del Cluster e di SkipsoLabs. I progetti più strategici verranno presentati al Cluster tra febbraio e marzo.

Roberto Malfatti

Roberto Malfatti, nato nell'anno in cui Bearzot insegnava al mondo a giocare a calcio con la sua Italia campione del Mondo. Sociologo, comunicatore, papà di Irene e chitarrista all'occorrenza. Esperto in tematiche ambientali con il vizietto di ascoltare sano rock.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button