Economia

Avvisi bonari, diritto di difesa sempre più limitato: la denuncia di De Lise

"In tema di avvisi bonari, i tempi per garantire al contribuente di esercitare appieno il proprio diritto alla difesa e fornire i chiarimenti necessari per annullare o rideterminare la pretesa sono troppo brevi"

Gli avvisi bonari, arrivati a migliaia di italiani nei giorni scorsi, continuano a rappresentare un problema malgrado la proroga fissata al 16 dicembre scorso (con cinque giorni di tolleranza).

Lo rileva anche Matteo De Lise, presidente dell’Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili, in una lettera inviata al direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, che denuncia:

“In tema di avvisi bonari, i tempi per garantire al contribuente di esercitare appieno il proprio diritto alla difesa e fornire i chiarimenti necessari per annullare o rideterminare la pretesa sono troppo brevi.

A imprese, famiglie e ai professionisti che li seguono, viene chiesto di rispettare la scadenza di trenta giorni per raccogliere la documentazione necessaria, presentare richiesta di sgravio attraverso il canale Civis, attendere una risposta ed effettuare l’eventuale pagamento. Troppo poco, considerando che gli uffici dell’amministrazione finanziaria sono oberati dall’enorme quantità di avvisi bonari emessi e non riescono ad elaborare i chiarimenti del contribuente, che si ritrova a pagare anche una sanzione”.

“Ci sembra che, in quest’ambito, il diritto di difesa del contribuente sia sempre più limitato. Eppure, l’articolo 10 dello Statuto dei Diritti del Contribuente dispone che non possono essere irrogate sanzioni a carico del contribuente laddove il suo comportamento risulti conseguente “a ritardi, omissioni o errori dell’amministrazione”.

Avvisi bonari, le proposte

E’ importante sapere che quando si parla di avvisi bonari ci si riferisce ad una categoria particolare di irregolarità di pagamento: infatti, non sono considerati veri e propri atti di recupero dell’Agenzia delle Entrate, perché non può essere presentato ricordo finché non viene emessa la cartella esattoriale vera e propria.

L’avviso bonario, però, permette di risanare quanto dovuto al Fisco se ritiene valide le contestazioni subite, beneficiando in questo caso di una riduzione delle sanzioni (non si applicano mora e spese di recupero di quanto contestato). I pagamenti, comunque, possono essere altresì oggetto di rateazione.

Matteo De Lise presidente dellUngdcec ok1 | F-Mag Avvisi bonari, diritto di difesa sempre più limitato: la denuncia di De Lise
Matteo De Lise

In un’ottica di collaborazione, “proponiamo all’Agenzia alcune soluzioni da attuare anche congiuntamente”, scrive ancora De Lise. “Ad esempio: uniformare la tempistica a quella delle cartelle di pagamento; sospendere il decorso dei 30 giorni dalla presentazione dell’istanza di revisione sino alla risposta dell’Agenzia delle Entrate; attivare incontri in video call, ad oggi presenti solo in pochissimi uffici territoriali; stabilire un termine entro cui gli Uffici sono obbligati a rispondere alle istanze di revisione presentate”.

“Infine – conclude De Lise – si dovrebbe anche uniformare la procedura di gestione del contraddittorio, magari prevedendo un ufficio specifico dove il professionista incaricato dal contribuente possa recarsi per garantire maggiore velocità e correttezza delle operazioni”.

Romolo Napolitano

Giornalista professionista dal 2011 è stato, non ancora trentenne, caporedattore dell’agenzia di informazione videogiornalistica Sicomunicazione. Ha lavorato 3 anni negli Stati Uniti in MSC. Al suo ritorno in Italia si è occupato principalmente di uffici stampa e comunicazione d'impresa. Attualmente è giornalista, copywriter e videomaker freelance. Si occupa, tra le altre cose, di tecnologie, nautica e sociale.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button