Impresa e Startup

Startup Pack: cercasi coach di startup. Ecco come partecipare

Startup Pack apre le candidature per diventare Startup Coach, per trovare i mentori del futuro

Una “startup che aiuta le startup”, come essa stessa si definisce, cerca a sua volta “allenatori di startup”, una sorta di mentore che può aiutare gli startupper italiani a riuscire nella loro idea. La chiamata è targata Startup Pack, che si presenta attraverso i suoi canali in maniera amichevole e quasi irriverente e che fornisce coaching e consulenza per le startup nascenti.

Il progetto di Startup Pack

Di base, il dato: 9 startup su 10 non resistono alla sfida del mercato e chiudono i battenti. Motivi ce ne sarebbero da analizzare tantissimi, tanti da scomodare grandi analisti senza riuscire ad avere una risposta univoca. Per i coach di Startup Pack, che si rifanno a una ricerca Up2Lab, su tutti, i motivi sono da ricercarsi in tempo (sprecato) e risorse (esigue). Ed è in questo frangente soprattutto che i loro coach lavorano.

Startup Pack offre ai giovani imprenditori italiani consulenze gratuite di un un’ora, dispensando consigli per creare un mercato e sviluppare una loro idea di business. Startup Pack è formata da professionisti legati dalla passione per le startup e l’innovazione: tra i primi Mariangela Pretelli, Senior Account Manager di Cubbit, Matteo De Lorenzo, tra i 50 talenti Under 30 selezionati da D20 Leader, e Pietro Maria Picogna, imprenditore digitale ed ex Presidente di JEBO.

Il volume di consulenze sta aumentando, però: in poche settimane (l’azienda è nata nel luglio del 2021) Startup Pack ha già “aiutato” oltre 50 realtà. Ora chiama a raccolta quanti vogliono diventare a loro volta coach. Le candidature possono essere inviate direttamente dal sito.

“Il processo di candidatura è semplice e completamente digitale – spiega Riccardo Maestri, business developer ed ex atleta olimpico Per partecipare è sufficiente rispondere a qualche domanda sulla pagina dedicata del nostro sito. A quel punto saranno i nostri coach a contattare i candidati per un primo colloquio conoscitivo”.

Maestri, che i patiti di nuoto ricorderanno per l’argento nella 4×200 stile libero agli Europei del 2012 di Debrecen, ribadisce poi, utilizzando l’inglesismo giveback, l’importanza della fisolofia del restituire qualcosa che si è preso, o appreso.

“Restituire ciò che negli anni abbiamo imparato è la nostra missione e lo vogliamo fare con i migliori talenti del panorama nazionale”.

Riccardo Maestri, Business Developer ed ex atleta olimpico

Andrea Esquilini, CEO della piattaforma di equity crowdfunding MyBestInvest – oltre ad essere uno dei primi coach ad unirsi al progetto – afferma con fierezza: “Siamo la soluzione per chi vuole avviare un percorso imprenditoriale ed avere successo”.

Sono 25 coach attualmente in organico, provenienti da esperienze e aziende di spessore come Google e Apple (come da dichiarazioni dell’azienda): ma il numero, a questo punto, è destinato a salire.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button