SocietàTecnologia

Twitter: l’uccellino non smette di cinguettare

Sembrava il primo dei grandi player social a dover soccombere, ma dopo le querelle e lo scontro frontale con Donald Trump Twitter sembra volare più alto che mai

Twitter: “I mDAU (utenti medi monetizzabili, ndr) hanno raggiunto i 206 milioni con un aumento dell’11% anno su anno e un aumento di 7 milioni in sequenza, grazie ai continui miglioramenti dei prodotti e al dibattito globale sugli eventi attuali”.

Si apre così la Shareholder Letter di Twitter, che dipinge un quadro tutt’altro che drammatico per l’uccellino blu più famoso del web. I risultati ottenuti nel secondo trimestre 2021 confermano un trend in costante crescita.

Come cresce Twitter

Se solo nel 2016 si continuava a pontificare e vociferare sull’imminente fine del social dai cinguettii brevi, più propriamente piattaforma di microblogging, con tantissimi analisti pronti a scommettere sulla chiusura e/o sulla cessione, il colpo di coda di oggi dimostra che i più sbagliavano.

Il 22 luglio 2021 l’ultimo report recita un palese +74 percento di ricavi, che ora arrivano a quasi 1,2 milioni di dollari. Numeri che in nessun modo possono restituire un’azienda in crisi.

dati twitter | F-Mag Twitter: l'uccellino non smette di cinguettare
I dati salienti dell’ultimo report Twitter dedicato agli inserzionisti confrontati con quelli dello stesso periodo 2020 (fonte: Twitter)

Merito di più di un accorgimento in corso d’opera di una piattaforma che ha dimostrato di saper prendere seriamente le sfide che il mondo digitalizzato ha pian piano visto prendere forma davanti ai suoi occhi.

Dalla questione sicurezza all’internet aperto e libero. Soprattutto, Twitter ha preso a cuore la questione delle fake news e lo ha fatto con un coraggio e una fierezza tale da essere arrivati allo scontro frontale (ed averlo vinto ai punti) nientedimeno ché contro il Presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump.

Non più di una manciata di mesi fa Twitter annunciava una completa revisione del sistema di verifica degli account e dell’assegnazione dei badge di verifica, mentre meno di un mese fa gli sviluppatori annunciavano una mini-rivoluzione nella sicurezza d’accesso. Segni di una volontà comune di lavorare per migliorare l’esperienza utente nell’ottica di un futuro ancora da protagonista.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »