SocietàIstituzioni

Carta del Docente e 18app, occhio alla scadenza!

I bonus Cultura previsti dallo stato per neo-maggiorenni e insegnanti di ruolo hanno una scadenza (quasi) sotto l'ombrellone. Ecco le date da ricordare

Carta del Docente e 18app, i due bonus Cultura dal valore di 500 euro voluti fortemente dall’Esecutivo allora guidato da Matteo Renzi, sono sopravvissuti fino ad oggi e – nonostante tanti proclama che ne volevano la riduzione o l’eliminazione – continuano a essere erogati. Se per 18app si tratta di un bonus una-tantum destinato ai neo-maggiorenni (al momento viaggia con un anno di ritardo – quindi in questo momento è erogato a chi è diventato maggiorenne nel 2020), Carta del Docente è invece erogata a cadenza annuale e ne hanno diritto tutti gli insegnanti di ruolo nelle scuole statali italiane.

Il buono, del valore di 500 euro, può essere speso solo con obiettivi “culturali”, di accrescimento umano e professionale. Questo si traduce in libri, film, musica, biglietti per il teatro, corsi ed eventi per i più giovani, mentre per gli insegnanti il paniere si allarga con computer, tablet, stampanti 3D e altro hardware compatibile con quanto stabilito dal Ministero dell’Istruzione (restano fuori in entrambi i casi gli smartphone e gli abbonamenti internet). Fino a qualche giorno fa, la Carta del Docente poteva essere utilizzata anche per comprare strumenti come webcam, dispositivi di input digitale, hotspot e quanto poteva in qualche modo aiutare il docente nella transazione verso la Dad. Ma con l’ottimismo per un ritorno in presenza a settembre a scuola, le proroghe in tal senso sono terminate il 30 giugno.

Che scadenza ha Carta del Docente nel 2021?

Resta inteso che i bonus, a cui si accede tramite SPID attraverso i portafogli elettronici disponibili sui siti istituzionali dell’iniziativa previa registrazione, non sono eterni. Per quanto riguarda il bonus Cultura destinato ai docenti, ad esempio, la scadenza è ormai di prassi fissata a due anni. Cosa vuol dire? Che il 31 agosto 2021 (insegnanti, segnate questa data) vanno obbligatoriamente spesi i fondi accreditati di Carta del Docente 2018/19.

Considerando che per ogni annualità vengono accreditati 500 euro sul portafoglio digitale, e la logica di spesa è quella della coda FIFO (i primi soldi che entrano sono i primi che escono), vuol dire che per gli insegnanti più “rilassati” è il momento di spendere tutte le eccedenze oltre i 1.000 euro, pena la perdita delle stesse.

Che scadenza ha 18app nel 2021?

Discorso diverso per gli (ormai) diciannovenni che quest’anno accedono a 18app. Il loro portafoglio non vede automaticamente accreditati 500 euro ogni anno. Per loro, la scadenza è fissata per il 28 febbraio 2022 (così come per i loro predecessori la scadenza era al 28 febbraio di quest’anno). Ma è importante che la richiesta di 18app sia inoltrata entro il 31 agosto 2021.

Se entro quella data il nato nel 2002 non si registra sulla piattaforma, sarà escluso dal bonus e non potrà più accedervi.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button