Impresa e StartupIstituzioni

Bravo Innovation Hub – Agrifood, al via le candidature per le startup

Bravo Innovation Hub è l’acceleratore d’impresa di Invitalia per le imprese più innovative del Mezzogiorno: con sede presso il Palazzo Guerrieri a Brindisi, offre programmi di accelerazione, mentorship, coaching e networking con un plafond di circa 41mila euro per ogni azienda che rientra nel programma, più una sovvenzione di altri 20 mila euro.

Si può partecipare al Bravo Innovation Hub fino alle ore 12,00 del 21 luglio, candidandosi con l’invio di una pec all’indirizzo finanzaimpresa@pec.invitalia.it utilizzando il modulo disponibile sul sito di Invitalia e inserendo nell’oggetto della PEC “domanda di partecipazione call Agrifood”.

Possono presentare domanda le società con le seguenti caratteristiche:

  • iscritte al registro delle imprese dal 1° gennaio 2017;
  • di piccola dimensione;
  • con sede operativa nelle regioni Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

Come funziona Bravo Innovation Hub

L’obiettivo di Bravo Innovation Hub è accelerare l’ingresso nel mercato di startup e nuove imprese in grado di offrire soluzioni innovative nell’intera filiera agro-alimentare, negli ambiti: agricoltura 4.0, agricoltura intelligente e di precisione; tecnologie idroponiche; soluzioni di imballaggio sostenibili e soluzioni di imballaggio attivo e intelligente; cibo del futuro; smart kitchen; sistemi per il monitoraggio delle colture; soluzioni digitali per aumentare la qualità, la sicurezza alimentare, la tracciabilità dei prodotti e per ridurne la contraffazione.

Tra tutte le domande pervenute, Invitalia ne selezionerà 10 dopo aver valutato l’idea, le potenzialità dell’impresa e il suo team imprenditoriale.

Il programma di accelerazione “Bravo Innovation Hub Agrifood” avrà come centro delle attività la sede di Palazzo Guerrieri a Brindisi e le attività potranno essere realizzate in presenza, online o in modalità mista. Ha un valore, per ciascuna impresa, di 41.500 euro e comprende:

  • un grant di 20.000 euro;
  • una fase di assessment iniziale per raccogliere le esigenze delle imprese e incontri one-to-one per approfondirne obiettivi e necessità;
  • mentoring e coaching per lo sviluppo del prodotto/servizio, modello di business, tecnologia, comunicazione, marketing, raccolta fondi;
  • formazione sulle competenze imprenditoriali e sulle tematiche più rilevanti del settore Agrifood;
  • sessioni di networking;
  • spazi di lavoro gratuiti all’interno del Bravo Innovation Hub di Palazzo Guerrieri a Brindisi;
  • benchmarking day: un evento di confronto fra i big player ed esperti nazionali e internazionali nel settore Agrifood;
  • demo day: un evento conclusivo durante il quale le imprese potranno presentare il proprio progetto a potenziali investitori;
  • iniziative di business matching e open innovation
  • la partecipazione gratuita a importanti fiere di settore quali ad esempio Cibus
  • un luogo per la sperimentazione e i test delle soluzioni tecnologiche proposte.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button