Impresa e Startup

Taranto, 3mln di euro per startup e PMI

Parte il progetto "Taranto Crea" rivolto a startup, PMI, imprese consolidate, imprese sociali e reti di impresa e promosso da Invitalia. L'incentivo, che ha una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro per il rilancio turistico e culturale della città

E’ iniziato questa settimana il progetto “Taranto Crea” rivolto a startup, PMI, imprese consolidate, imprese sociali e reti di impresa e promosso da Invitalia. L’incentivo, che ha una dotazione finanziaria di 3 milioni di euro, vuole essere una spinta per la nascita e l’implementazione sostenibile dello sviluppo economico, turistico e culturale della città, con iniziative che puntano a valorizzare la Città Vecchia e le aree limitrofe di Taranto.

E’ compreso nella più ampia misura Cultura Crea 2.0 ed è promosso nell’ambito del Contratto Istituzionale di Sviluppo Taranto. Le agevolazioni consistono in un finanziamento a tasso zero e un contributo a fondo perduto, con una premialità aggiuntiva per giovani, donne e imprese con rating di legalità. Gli incentivi, concessi nell’ambito del regolamento de minimis, possono coprire fino all’80% delle spese totali, elevabili al 90% in caso di premialità. È prevista anche un’attività di tutoring per tutte le imprese che ne fanno richiesta, fino a un valore massimo di 10.000 euro.

Come funziona Taranto Crea

Taranto Crea prevede due tipologie di interventi, rivolti a

Startup – Imprese consolidate – Imprese sociali – Per la nascita di nuove imprese di micro, piccola e media dimensione della filiera culturale, creativa e dell’intermediazione turistica, dello spettacolo, delle filiere dei prodotti tipici, per sostenere i soggetti del terzo settore nelle attività collegate alla gestione di beni, servizi e attività culturali;

Reti di impresa– Per sostenere formule di collaborazione e partenariato che favoriscano l’aggregazione tra imprese, anche di settori diversi, con l’obiettivo di creare ecosistemi produttivi collaborativi.

con diverse tipologie di incentivi che si suddividono in:

 “Creazione di nuove imprese nell’industria culturale” che finanzia le micro, piccole e medie imprese (MPMI) dell’industria culturale che vogliono avviare un’attività nella Città di Taranto, funzionalmente collegate alla Città Vecchia. Si rivolge alle imprese dell’industria culturale, creativa e turistica costituite negli ultimi 36 mesi, comprese le cooperative e i team di persone fisiche che vogliono costituire un’impresa, purché la costituzione avvenga entro 30 giorni dalla comunicazione di ammissione alle agevolazioni. Sono finanziabili programmi di spesa fino a 400.000 euro.

“Sviluppo delle imprese dell’industria culturale e turistica” che sostiene lo sviluppo e il consolidamento delle micro, piccole e medie imprese dell’industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e del settore manifatturiero tipico locale. Si applica ai programmi di investimento presso una o più unità produttive situate nella Città di Taranto, funzionalmente collegate alla Città Vecchia. Si rivolge alle imprese costituite in forma societaria da non meno di 36 mesi, incluse le cooperative che vogliono presentare progetti di investimento nei settori dell’industria culturale, turistica, creativa, dello spettacolo e dei prodotti tipici locali e aventi un legame funzionale con uno o più attrattori indicati nella normativa di riferimento. Sono finanziabili programmi di spesa fino a 500.000 euro

 “Sostegno ai soggetti del terzo settore dell’industria culturale”  che sostiene lo sviluppo e il consolidamento di imprese e di altri soggetti del terzo settore nelle attività collegate alla gestione di beni, servizi e attività culturali, anche favorendo forme di gestione integrata. Si applica agli investimenti presso una o più unità produttive situate nella Città di Taranto, funzionalmente collegate alla Città Vecchia. Si rivolge alle imprese sociali – incluse le cooperative sociali – e ad altri soggetti del terzo settore che presentano programmi di spesa fino a 400.000 euro.  

Presentazione delle domande

La domanda può essere inviata esclusivamente online, attraverso la piattaforma informatica di Invitalia. La valutazione avviene in base all’ordine cronologico di arrivo e termina entro 60 giorni. Per richiedere le agevolazioni è necessario:

registrarsi  ai servizi online di Invitalia indicando un indirizzo di posta elettronica ordinario

una volta registrati accedere al sito riservato per compilare direttamente online la domanda, caricare il business plan e la documentazione da allegare

Per concludere la procedura di presentazione della domanda è necessario disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC).

Origine
Invitalia

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button