Sociale
Trending

Ansiosi, stressati, ingrassati: ecco i lavoratori del post pandemia

La ricerca Sodexo traccia il profilo del dipendente in questa fase di ripartenza: sovrappeso e al limite. E ritiene che l'azienda debba fare qualcosa.

Il 10 percento dei lavoratori adulti è ingrassato oltre 20 chili nell’ultimo anno di pandemia. Un problema, certo, ma non come l’ansia che divora l’86 percento di noi, e il burn-out di cui è vittima un adulto occupato su due. Chi diceva che sarebbe andato tutto bene mentiva spudoratamente perché il ritratto che ci restituisce Sodexo è impietoso.

La multinazionale operante nel settore dei servizi per le imprese ha condotto una ricerca i cui risultati sosterrebbero che ansia, stress post-traumatico e aumento del peso sono le problematiche che affligono i dipendenti in questa fase rinominata di ripartenza. Inoltre, il 37% dei dipendenti dichiara di “non aver fatto nulla per migliorare la propria salute mentale” e il 75% ha ammesso che “questi problemi hanno influenzato negativamente la produttività“. Una certezza: 4 intervistati su 5 hanno ammesso di ritenere che dovrebbe essere responsabilità dell’azienda farsi carico di soluzioni per migliorare il benessere psicofisico. Che è quello che molti di noi hanno pensato mentre facevano il conto con smart-working e invasione della sfera privata a favore di quella lavorativa.

Pranzare coi colleghi (59%), programmi di benessere (59%), welfare benefit (57%), progetti di supporto mentale (55%) e smart working (55%) sono la soluzione individuata dagli intervistati per migliorare il benessere lavorativo in questa ripartenza.

“Preservare la salute fisica e mentale di dipendenti e famiglie deve essere un focus principale delle aziende in questa fase di ripartenza effettiva. Mai come adesso, infatti, è importante sostenere il loro benessere”.

SODEXO

La ricerca, che Sodexo ha condotto in partnership con Harris Interactive, ha preso a campione 5mila dipendenti in 8 nazioni. I dati sopra citati sono riferiti al mercato mondiale, ma l’Italia (con i suoi 600 intervistati) ne è specchio fedele: diminuzione dell’attività fisica (76%), incertezza verso il futuro (71%) e ansia per la salute (49%) sono i motivi di un consistente peggioramento della qualità della vita dei lavoratori nel nostro Paese. L’85% dei connazionali intervistati ha dichiarato che la propria condizione di stress psico-fisico abbia avuto un concreto impatto sulla produttività lavorativa e il 79% ritiene che sia responsabilità dell’azienda provvedere alla salute mentale dei dipendenti.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button