Impresa e Startup

Procurement innovativo, arrivano i premi europei per startup e PMI

Si sono aperte in questi giorni le candidature per i tre premi dell’European Innovation Procurement Awards dedicati al procurement innovativo. Prima di andare oltre, apriamo una breve parentesi: stiamo parlando del caro “vecchio” ufficio acquisti, adesso mutato in procurement, ossia la funzione aziendale dedita ad acquisire beni, servizi e materie prime necessarie per il funzionamento dell’impresa e per la sua buona riuscita sul mercato.

In ottica di open innovation e di spinta alla transizione digitale, secondo quanto scrive il portale EconomyUp

per una ricerca della SDA Bocconi School of Management anche la digitalizzazione dei processi di Acquisti resta indietro in Italia. Secondo quanto emerso, nel 2019 ormai l’apertura al digitale è trasversale a tutte le aziende, ma non tutte sono ancora riuscite ad accoglierle nei loro processi.

In realtà, la situazione potrebbe essere ben diversa per startup e PMI, più aperte all’innovazione e a fungere da “appaltatrici” di servizi per le grandi aziende. In quest’ottica si inseriscono i tre premi dell’European Innovation Procurement Awards.

EU Innovation Procurement Awards, di cosa si tratta

Gli appalti per l’innovazione modernizzano il settore pubblico con soluzioni economiche e di qualità superiore. Queste pratiche contribuiscono direttamente alla competitività dell’Unione Europea, aprendo una strada verso il mercato per nuovi attori, in particolare le PMI e le startup. Aiutano inoltre le aziende più grandi a immettere sul mercato prodotti innovativi, stimolando la crescita aziendale transfrontaliera e la creazione di posti di lavoro.

Il bando dell’EIC (Consiglio Europeo dell’Innovazione) nasce per premiare il procurement innovativo di acquirenti pubblici e privati, con la finalità di aiutare startup e PMI europee a diffondere i loro prodotti e servizi innovativi sui mercati. Al tempo stesso, il premio sostiene la comunità dei committenti europei a condividere, lavorare insieme e ispirarsi a vicenda nella progettazione di processi di appalto innovativi, e in particolare nella fornitura di servizi pubblici moderni ed efficienti.

L’edizione 2021 del concorso dedicato al procurement innovativo prevede tre categorie: 

Innovation procurement strategy“, che premia le strategie a lungo termine che attivano diversi appalti di innovazione, soluzioni e pratiche sostenibili;

Facing societal challenges“, che premia le pratiche di appalto innovative volte ad affrontare la pandemia COVID-19;

Procurement leadership“, che premia le persone che si sono distinte nel consentire al proprio team di avere successo e di attivare pratiche di e-procurement.

Come candidarsi

Il concorso European Innovation Procurement Awards è aperto a qualsiasi committente pubblico o privato, nonché a individui con sede in uno degli Stati membri dell’UE o nei Paesi associati a Horizon Europe.

Le candidature vengono valutate e classificate in base ai seguenti criteri:

Trasformazione – adattare le pratiche di appalto agli appalti per l’innovazione, introducendo nuovi processi e strumenti e promuovendo la creazione di un quadro giuridico favorevole all’innovazione verso una crescita e uno sviluppo sostenibili;
Uptake – modi innovativi replicabili e scalabili di procurarsi una soluzione, che allo stesso tempo contribuiscono a ottenere servizi più efficienti ed efficaci. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata alla promozione delle migliori pratiche e agli sforzi per condividere le conoscenze tra le parti interessate all’interno dei diversi territori e per sostenere lo sviluppo delle capacità;
Collaborazione: il percorso collaudato di collaborazione che ha portato alla soluzione acquistata. Promozione di sinergie e cooperazione tra attori di diversi paesi ea diversi gradi di maturità nelle pratiche di appalto;
Impatto sociale – pratiche con un impatto quantitativo e qualitativo positivo sulla società e sulle persone, con particolare attenzione al sostegno alla trasformazione digitale e alle priorità del green deal.

E’ possibile candidarsi al premio fino alle ore 17,00 del 29 luglio 2021 attraverso il portale dedicato. Per qualsiasi informazione aggiuntiva o richiesta di chiarimento è possibile contattare l’ufficio preposto dall’EIC all’indirizzo mail EISMEA-EUIPAWARDS@ec.europa.eu.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button