Economia

DL Sostegni BIS, discussione in aula entro giovedì – le anticipazioni

DL Sostegni bis pronto per essere discusso: ecco le anticipazioni sulla misura che inietterà nuova liquidità (e fiducia) per le categorie in difficoltà

Entro giovedì dovrebbe essere discusso in nuovo DL Sostegni BIS, la nuova misura che aiuterà imprese e cittadini e che probabilmente nelle fasi finali prenderà il nome di DL Imprese. Il Governo sta delineando il nuovo piano di aiuti, ristori e supporti immaginando una dotazione finanziaria di circa 40 miliardi (a fronte dei 32 del primo DL Sostegni): 35 miliardi per gli aiuti all’economia, più 5 miliardi circa per gli investimenti del piano extra-Pnrr.

La nuova misura rafforzerà alcuni punti già stabiliti: rinvii delle cartelle esattoriali, raddoppio dei ristori, taglio dei costi fissi, aiuti alla liquidità. Vediamo alcune delle anticipazioni.

Le anticipazioni sul DL Sostegni BIS

Secondo quanto già anticipato al Sole24Ore dal Sottosegretario all’Economia Durigonil decreto Sostegni bis dovrebbe confermare le regole per il calcolo degli aiuti alle partite IVA, modificando però le percentuali di contributo a fondo perduto spettante in relazione alla dimensione aziendale. Potrebbero quindi vedersi erogate – finalmente – i ristori anche le partite IVA di minori dimensioni, finora in difficoltà rispetto all’applicazione del Decreto.

Fra i punti che saranno contenuti nel DL Sostegni BIS, secondo alcune anticipazioni, è previsto lo stop delle cartelle fiscali fino al 31 maggio. Nella nuova misura, infatti, dovrebbe trovare spazio la norma per congelare l’invio delle cartelle esattoriali per passare poi ad una ripresa graduale a inizio giugno, eventualmente con tempi più dilatati per le categorie maggiormente colpite dall’emergenza.

Per quanto riguarda le indennità a fondo perduto per le attività che hanno registrato perdite economiche a causa del lockdown, dovrebbero ammontare a 22 miliardi gli stanziamenti previsti nella misura. Rispetto al DL Sostegni “uno”, quindi agli aiuti precedenti, il nuovo ristoro raddoppia in quanto andrà a coprire due mensilità e non una.

Si potrà accedere agli indennizzi sulla base della stima delle perdite. Per il momento l’unica certezza è questa: con l’approvazione bisognerà vedere se il DL Sostegni BIS utilizzerà come parametro la replica della soglia minima del 33% di perdite di fatturato rispetto agli stessi mesi dell’anno precedente oppure abbasserà al 20% di fatturato (come richiesto da molte categorie) oppure, ancora, valutare il paradigma sostenuto dalla Lega relativo al calcolo delle perdite effettive guardando non più al fatturato ma al bilancio.

Per quanto riguarda, invece, i costi fissi il DL Sostegni BIS dovrebbe intervenire sul taglio della TOSAP e COSAP sul suolo pubblico, dell’IMU di giugno e delle bollette. Non è ancora chiaro se si replicherà anche il taglio trimestrale delle bollette per ristoratori e attività commerciali che hanno subito una flessione dei ricavi a causa delle chiusure. Sembra invece confermata l’esenzione del canone Rai per strutture ricettive e servizi di ristorazione.

Restando sempre in tema economico, la nuova misura prevedrà la proroga dei prestiti, quindi della moratoria su finanziamenti e sui mutui. Su quest’ultimo punto, dovrebbe essere introdotta la misura di incentivo per gli under 35 annunciata da Draghi nei giorni scorsi, ma non sono ancora del tutto chiari i parametri finanziari e in che misura è garantito l’accesso al mutuo agevolato. Verrà inoltre allungata la scadenza per il rimborso dei prestiti garantiti dallo Stato attraverso il fondo centrale per le Pmi oltre i 10 anni inizialmente previsti. Allo studio, inoltre, vi è la possibilità di aumentare l’ammontare massimo del prestito oltre i 30mila euro.

Infine, per quanto concerne misure “mirate”, il nuovo DL conterrà quasi sicuramente la proroga del blocco degli sfratti e ulteriori misure per i settori più penalizzati come turismo, wedding ed eventi.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button