Società

Content Creator in Italia riconosciuti: e ora?

Il creatore di contenuti digitali (content creator) trova per la prima volta la sua legittimazione nell'articolo 28 dell'approvato disegno di legge Concorrenza. Una svolta che apre la strada a un codice ATECO. E ci sarà una normativa per le controversie con i colossi del web.

Il content creator è riconosciuto in Italia. Con l’approvazione al Senato del disegno di legge sulla Concorrenza, per la prima volta lo Stato italiano tra le sue carte e i suoi atti riconosce la figura lavorativa del content creator. È il primo passo, certo, ma comunque importante verso il riconoscimento di quella che a tutti gli effetti è una professione – che con gli YouTuber e oggi ancor di più con i TikToker – sappiamo poter essere anche una importante fonte di guadagno.

L’importante riconoscimento della figura del creatore di contenuti digitali è introdotta ora nell’ordinamento italiano tramite due emendamenti presenti all’articolo 28 della ormai approvata legge sulla concorrenza. Punti che rappresentano, in realtà, una dichiarazione d’intenti.

l-bis) individuazione di specifiche categorie di controlli per i creatori di contenuti digitali, tenendo conto dell'attività economica svolta;
l-ter) previsione di meccanismi di risoluzione alternativa delle controversie tra creatori di contenuti digitali e relative piattaforme

Si chiede quindi, attraverso legge, di regolamentare da un punto di vista legislativo il lavoro del content creator in Italia.

Verso il codice ATECO per i content creator

L’individuazione di specifiche categorie di controlli per i creatori di contenuti digiali, tenendo conto dell’attività economica svolta, si tradurrebbe principalmente nella creazione di un codice ATECO ad hoc per i creatori di contenuti digitali.

Sulla questione dei codici ATECO per le professioni digitali, del resto, la partita è aperta e anche in questo caso l’Italia si è mossa non certo in maniera lungimirante in passato, creando ora una situazione non lineare in cui molte associazioni o sedicenti tali si sono mosse approfittando del vuoto normativo in materia. Creare una figura professionale e con essa l’insieme di regole che normano in Italia la sua attività è da un lato un’importante tutela che si dà al content, dall’altro permette di inquadrare (anche fiscalmente) questi nuovi professionisti digitali. A cui, ricordiamo, appartengono potenzialmente “tutti coloro che creano contenuti digitali”, dai video ai contenuti multimediali per i social network fino ai contenuti testuali per i blog. Un campo vasto ma ben definito che potrà rispondere anche a una certa dispersività di tali professionisti nell’ordinamento italiano e nel loro preciso incasellamento.

Le controversie tra content creator e piattaforme

L’altro non sottovalutabile punto inserito nel disegno di legge Concorrenza introduce la necessità di un sistema di tutela di controversie tra creatori di contenuti digitali e relative piattaforme. TikTok, Instagram, Twitch e YouTube, per intenderci: attraverso il riconoscimento della figura del content creator è chiaro e necessario che anche le eventuali controversie professionali che possano nascere tra i colossi del web e chi attraverso quelle piattaforme fa un business vadano regolamentate.

I tempi

Chiaramente, è una traccia quella che l’attuale Parlamento uscente darà a chi verrà dopo. La palla passerà quindi al prossimo Governo che dovrà mettere in campo le azioni a supporto di quella che da alcuni addetti ai lavori è stata accolta come vera e propria “svolta”.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button