Impresa e Startup

Casa delle Tecnologie Emergenti, apre il bando per le startup: smart city e innovazione

L’obiettivo è supportare giovani imprenditori e imprenditrici dell’innovazione “in un percorso di crescita nel quale mettersi alla prova e nel quale trovare strumenti, tecnologie e conoscenze per sviluppare nuove soluzioni, contribuendo così a uno sviluppo sostenibile e inclusivo della città”.

Prende il via la seconda fase del progetto della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma. Il progetto, che ha visto il suo avvio nell’aprile 2021, adesso è pronto ad aprire le sue porte alle startup con un bando promosso dall’Amministrazione di Roma Capitale sullo sviluppo e il potenziamento di nuove tecnologie e reti 5G per soluzioni innovative per la città.

Casa delle Tecnologie Emergenti e startup: un nuovo inizio

La Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma è stata inaugurata nel mese di maggio all’interno della stazione Tiburtina, con l’obiettivo di generare un modello unico per la nascita, lo sviluppo e l’innovazione di nuove imprese nel territorio romano, puntando su due settori strategici per Roma Capitale:

  • i servizi ai cittadini ed ai turisti, ambito dove l’offerta di innovazione può integrarsi con un patrimonio storico-culturale unico al mondo, dove è possibile valorizzare strutture ricettive e flussi turistici che la Città attrae da ogni parte del mondo;
  • la mobilità, ambito dove la domanda di innovazione è supportata da grandi numeri in termini di utenti, mezzi e infrastrutture che fanno di Roma un enorme mercato potenziale

Al tempo stesso, spiega il Campidoglio, l’obiettivo è supportare giovani imprenditori e imprenditrici dell’innovazione “in un percorso di crescita nel quale mettersi alla prova e nel quale trovare strumenti, tecnologie e conoscenze per sviluppare nuove soluzioni, contribuendo così a uno sviluppo sostenibile e inclusivo della città”.

Obiettivo ultimo, infine, è quello di far nascere proprio fra i corridoi della Casa delle Tecnologie Emergenti soluzioni applicabili nel contesto di Roma Capitale, rendendola una città sempre più smart ed intelligente, contribuendo così al perseguimento degli obiettivi strategici individuati dal Piano Roma Smart City.

Chi può partecipare?

Possono effettuare domanda tutte le startup che alla data di presentazione dell’istanza di partecipazione non siano costituite da più di 60 mesi e la cui attività sia rivolta allo sviluppo di soluzioni basate su tecnologie emergenti come Intelligenza artificiale, Internet of Things, Blockchain o tecnologie 5G applicate in ambito mobilità o turismo.

Più in particolare, valorizzando tematiche di rilevanza strategica proposte dall’Amministrazione e dai Partner della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma, l’Avviso della Casa delle Tecnologie Emergenti intende individuare e selezionare startup che abbiano interesse a lavorare sul territorio della città di Roma e che siano in grado di rispondere alle seguenti Sfide:

Proporre soluzioni innovative per i servizi a turisti e cittadini. Si ricercano, in particolare, nuove
soluzioni che – valorizzando tecnologie emergenti, quali a titolo esemplificativo l’intelligenza artificiale,
la Blockchain, l’Internet of Things, il potenziale dei dati e le reti 5G – consentano di abilitare nuovi
modelli di fruizione del patrimonio artistico e culturale, di promuovere comportamenti responsabili e
sostenibili, di generare nuovi servizi ad alto valore aggiunto ed inclusivi per turisti e cittadini,
consentendo di usufruire della ricchezza della Città ed, al contempo, di favorire lo sviluppo economico,
anche nelle aree con maggiori criticità.

Proporre soluzioni innovative che contribuiscano allo sviluppo di una città intelligente e sostenibile.
Si ricercano soluzioni innovative che – valorizzando le tecnologie emergenti, le reti 5G, il potenziale
dei dati – rendano i servizi più semplici ed accessibili ai cittadini, più inclusivi e sostenibili e che
consentano di valorizzare le infrastrutture presenti sul territorio (ad es. quelle idriche ed elettriche) in
un’ottica di sostenibilità e di salvaguardia dell’ambiente.

Proporre soluzioni innovative per la gestione della mobilità urbana. Si ricercano soluzioni innovative
che – valorizzando le tecnologie emergenti, il potenziale dei dati, le reti 5G – consentano di proporre
nuovi modelli di mobilità (ad es. mobilità collaborativa e/o di quartiere, basata sull’aggregazione della
domanda, sulla mobility as a service, mobilità inclusiva e sostenibile), nuovi modelli di pagamento
digitali, ecc. Tali soluzioni potrebbero anche essere valorizzate in termini di ulteriori servizi a valore
aggiunto, come a titolo esemplificativo la gestione delle flotte, l’uso dei big data per la
razionalizzazione del traffico, l’ottimizzazione dei flussi di passeggeri e delle rotte, nonché la
promozione della mobilità elettrica (ad es. servizi di Smart Charge e Vehicle to Grid per garantirne la
massima diffusione sul territorio).

Le start up selezionate avranno accesso a specifiche sessioni di presentazione della propria soluzione innovativa ai Corporate della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma (AceaWindTRE e TIM), parteciperanno ai percorsi di accelerazione, ai workshop tematici organizzati con i partner universitari e tecnici La SapienzaLUISS Guido CarliRoma “Tor Vergata” e Roma TreInnova srlLVenture Group spaPeekaboo srl e  potranno sviluppare delle possibile sperimentazioni sul territorio. Nel corso di questo programma riceveranno anche un contributo, a titolo di rimborso spese sostenute per la progettualità premiata.

Casa delle Tecnologie Emergenti: accelerazione e benefici

Le startup selezionate nel bando della Casa delle Tecnologie Emergenti potranno accedere ad un programma di accelerazione della durata di tre mesi. Tale programma prevede le seguenti attività ed opportunità:

a) accesso a specifiche sessioni di presentazione della propria soluzione innovativa ai Partner Corporate
della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma;

b) partecipazione ai workshop tematici organizzati dalla Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma;

c) supporto nella definizione e gestione di eventuali progetti di validazione della soluzione innovativa,
congiuntamente con i Partner Corporate della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma e/o con l’Amministrazione Comunale. Pertanto, le startup ammesse al programma di accelerazione potranno avere l’opportunità di testare la propria soluzione innovativa secondo i requisiti e nei contesti di impiego delle grandi organizzazioni pubbliche o private. Tale opportunità può consentire alle startup di validare il Proof of Concept (PoC) ed avviare collaborazioni con i Partner nel caso in cui questi ultimi manifestino il loro interesse;

d) supporto nella definizione e gestione di progetti di sviluppo tecnico e test definiti congiuntamente
con le Università Partner della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma. Tale opportunità può consentire alla startup di attivare partnership con la ricerca scientifica, di individuare competenze utili a rafforzare il team imprenditoriale, di validare le performance tecniche delle soluzioni innovative.

Inoltre, le startup selezionate previo coordinamento con il management della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma, potranno beneficiare gratuitamente dei seguenti servizi e strumenti:
▪ accesso agli spazi di co-working della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma presso la Stazione Tiburtina, usufruendo degli strumenti presenti (Wi-fi, lavagne interattive, altri strumenti digitali/ devices interattivi);
▪ supporto qualificato degli Esperti dei Partner Universitari, Tecnici, Corporate della Casa delle Tecnologie Emergenti di Roma, al fine di facilitare e sviluppare le attività di progettazione, sperimentazione innovativa, realizzazione di Proof of Concept, previste dal programma di accelerazione.

Le risorse totali stanziate, quale contributo a titolo di rimborso spese a vantaggio alle startup selezionate,
saranno pari ad un importo complessivo di massimo 112.500,00 euro e verranno ripartite equamente tra i soggetti che avranno superato con successo la fase valutativa.

Modalità di partecipazione

Le imprese interessate a presentare le loro soluzioni creative e tecnologiche potranno fare la domanda online, al link dedicato. Per poter cominciare la procedura gli imprenditori si dovranno prima registrare attraverso il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID). In caso di primo accesso con Spid sulla piattaforma di Roma Capitale, verrà richiesta anche la compilazione di una scheda informativa con i dati dell’utente.

Dopo questa prima fase di autenticazione/registrazione, il sistema permetterà l’accesso alla Casa Digitale del Cittadino dove occorrerà scegliere l’opzione “Procedi al servizio selezionato” per iniziare la procedura di selezione.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Condirettore di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button