Innovazione

Il peso della pandemia sull’innovazione: speso -5% in 3 anni. La fotografia Istat

Il peso della congiuntura pandemica ha rallentato l’innovazione: secondo l’ultimo report dell’Istat, proprio mentre si spinge sull’accelerazione dei processi, si incentiva la ricerca e lo sviluppo dei prodotti da presentare sul mercato, si ragiona in ottica Industria 4.0 sbirciando già all’Industria 5.0 e cambiano i modelli di organizzazione del mondo del lavoro, gli anni fra il 2018 e il 2020 presentano risvolti preoccupanti.

I dati sull’innovazione dell’Istat

Secondo i dati dell’Istat sulla spesa delle imprese per l’innovazione, fra il 2018 e il 2020 solo il 50,9% delle imprese con più di 10 addetti hanno svolto nel triennio attività innovative rispetto al periodo 2016-2018: una quota in calo di circa 5 punti percentuali rispetto al periodo precedente. Fra le cause soprattutto l’emergenza Covid che ha interessato il 64,8% delle aziende con attività innovative, in particolare le più piccole (66,7% contro il 50,2% delle grandi).

L’industria dunque, si legge ancora nel Report Istat, si conferma il settore più dinamico (58,5% di imprese con attività innovative) ma anche il più colpito dal calo degli investimenti in innovazione (-7,2 punti percentuali sui tre anni precedenti) soprattutto tra le piccole imprese. Nei Servizi rallenta l’innovazione (-3,8 punti percentuali ) e colpisce le grandi imprese (-8,0 p.p.). In sostanza ammonta al 26,8% la quota di imprese che hanno innovato i prodotti (4 punti percentuali rispetto al 2016-2018); si attesta al 40,3% la quota di imprese innovatrici attente alla tutela dell’ambiente e 55,6% quelle con attività innovative che hanno introdotto per la prima volta il lavoro a distanza nel 2020, di cui il 51,2% tra le piccole imprese.

I dati comunque, si legge ancora, anche se confermano la tendenza crescente della propensione all’innovazione all’aumentare della dimensione aziendale (dal 48,4% nella classe 10-49 addetti, al 65,7% in quella 50-249 addetti e al 76,0% nelle imprese con 250 addetti e oltre), annota anche come la contrazione degli investimenti in innovazione rispetto al 2016-2018 abbia interessato tutte le imprese, indipendentemente dalla loro dimensione (le piccole imprese -4,8 punti percentuali, quelle di media dimensione -5,7 p.p. e le grandi -5,0 p.p.).

Come cambia lo scenario

Anche nell’Industria l’innovazione perde colpi: infatti, con il 58,5% di imprese impegnate in investimenti innovativi, l’Industria resta il settore con la maggiore propensione all’innovazione ma registra un crollo pari a -7,2 punti percentuali.

Anche il settore dei Servizi subisce un calo ma più contenuto (-3,9 punti). In controcorrente le Costruzioni, in cui le attività innovative sono in aumento (+3,3 p.p.), spiega ancora l’Istat. La capacità di sviluppare e introdurre innovazioni con successo è più diffusa tra le grandi imprese (70,2%) rispetto alle piccole (43,5%). Tuttavia, rispetto al periodo 2016-2018, le prime registrano un andamento peggiore rispetto alla media (-6,2 punti contro -3,8 delle piccole imprese).

A subire le maggiori perdite è l’Industria (-7,8 punti percentuali tra gli innovatori di successo) e, in particolare, la manifattura (-8,0 punti). Il calo è più contenuto nel settore dei Servizi (-2,0 punti), mentre nelle Costruzioni, in controtendenza rispetto all’andamento generale, si registra una crescita sensibile (+6,0 punti, passando dal 29,3% al 35,3%).

E continua a prevalere, dice ancora l’Istat, la tendenza delle imprese italiane a innovare i processi aziendali piuttosto che sviluppare nuovi prodotti per il mercato (43,6% contro 26,8%), ma rispetto al triennio 2016-2018 diminuisce sia la quota di imprese che realizzano innovazioni di prodotto (-4,3 punti) sia di quelle che investono in nuovi processi (-3,8 punti). A livello dimensionale, nelle piccole imprese gli investimenti in nuovi processi riguardano il 41,2% delle unità e quelli in nuovi prodotti solo il 25,0%. L’impegno è maggiore tra le imprese di fascia intermedia (rispettivamente il 57,6% e il 37,4%) e raggiunge i livelli massimi nelle grandi (67,7% e 49,5%).

Tra i settori, le imprese industriali sono più orientate allo sviluppo di nuovi processi (48,1%) e nuovi prodotti (32,2%) rispetto a quelle attive nel settore dei Servizi (42,0% nuovi processi e 24,1% nuovi prodotti). Le tipologie di innovazioni di processo sono molto diversificate e si riferiscono a svariati aspetti delle attività aziendali. Quelle più frequenti si riferiscono ai sistemi informativi (25,6% delle unità), all’organizzazione del lavoro e alla gestione delle risorse umane (24,3%) e alle innovazioni impiegate nei processi di produzione (21,4%).

Meno diffuse, invece, sono le innovazioni introdotte nella logistica, distribuzione e fornitura dei prodotti (16,3%) e quelle che interessano l’intera organizzazione aziendale e le relazioni con l’esterno (17,3%).

Non tutta l’innovazione è perduta però

A fronte del calo generale degli investimenti nell’innovazione, nel 2018-2020 si rafforza la componente più radicale degli innovatori, ossia quella composta da imprese che sviluppano e vendono prodotti innovativi per il mercato e originali rispetto ai prodotti delle imprese concorrenti.

Questi innovatori costituiscono il 14,6% delle imprese e la quota aumenta di oltre sei punti percentuali rispetto al periodo precedente. Indipendentemente dal settore economico di appartenenza, protagoniste di queste innovazioni sono le grandi imprese, il 28,6% delle quali ha introdotto prodotti nuovi sul mercato, soprattutto quelle attive nell’Industria (39,5%). Tuttavia, l’aumento interessa anche le piccole imprese che raddoppiano passando dal 6,6% al 13,6%.

La contrazione delle spese in innovazione non tocca la ricerca e sviluppo. Le imprese innovatrici continuano a svolgere R&S interna: rappresentano il 50,6% della spesa complessiva e, rispetto al 2018 la quota aumenta di 13,7 punti percentuali, mentre tutte le altre componenti di spesa si riducono: -2,5 p.p. la R&S esterna , che copre il 9,5% della spesa complessiva e -11,1 p.p. la spesa per attività non riconducibili alla R&S, che complessivamente costituiscono il restante 39,9% della spesa totale.

I principali investitori in R&S si confermano nell’Industria, dove circa i due terzi della spesa per innovazione è destinata a tale attività, svolta all’interno dell’impresa o commissionata ad altri soggetti, e in alcuni settori quali la fabbricazione di autoveicoli, l’elettronica e l’estrattivo la R&S supera l’80% della spesa.

Nel triennio 2018-2020 si conferma una bassa percentuale di imprese che hanno ricevuto finanziamenti pubblici per l’innovazione (16,6% delle imprese con attività innovative). Ottengono più frequentemente i finanziamenti pubblici alcuni settori storicamente più innovativi, quali la R&S (60,5%), l’industria farmaceutica (35,0%) e l’informatica (28,7%). Tra i finanziatori soprattutto amministrazioni nazionali, ancora marginale l’Ue. A livello settoriale, è l’Industria a ricorrere di più (44,3% delle imprese) alle agevolazioni (23,1% nei Servizi e 14,8% nelle Costruzioni).

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button