Ricerca

PRIMA 2022, al via il bando per la ricerca euro – mediterranea da 500mln

Il Programma PRIMA 2022 (Partnership for Research and Innovation in the Mediterranean Area) è un’azione euro-mediterranea (ex articolo 185 del TFUE), approvata dal Parlamento europeo e dal Consiglio con Decisione (UE) 2017/1324 del 4 luglio 2017, ha lo scopo di consolidare un partenariato strutturato a lungo termine in materia di ricerca e innovazione nell’area mediterranea, conformemente ai principi di co-titolarità, interesse reciproco e condivisione dei benefici.

L’iniziativa è stata avviata da 19 Stati, di cui: 11 Stati membri della UE (Croazia, Cipro, Francia, Italia, Germania, Grecia, Lussemburgo, Malta, Portogallo, Slovenia, Spagna); 3 Paesi Associati ad Horizon 2020 (Israele, Turchia e Tunisia); 5 Paesi Terzi del Mediterraneo (Algeria, Egitto, Libano, Marocco e Giordania). Il budget complessivo del Programma ammonta a circa 500 milioni di euro ripartiti in 7 anni (220 milioni dalla Commissione europea nell’ambito del Programma quadro per la ricerca Horizon 2020, 274 milioni dai 19 Paesi partecipanti).

Gli obiettivi di PRIMA 2022

L’obbiettivo generale di PRIMA 2022 è prevedere soluzioni innovative comuni nel settore dell’approvvigionamento idrico e dei sistemi alimentari, migliorandone l’efficienza e contribuendo così a risolvere i problemi più gravi che attualmente si riscontrano nel settore dell’alimentazione, della salute, del benessere e della migrazione.

Pertanto, il Programma PRIMA 2022 si concentra sulle seguenti 3 aree tematiche principali:

  • Management of water (sostenibilità integrata del ciclo delle acque per le aree deserte e semi deserte del Mediterraneo)
  • Farming System (sostenibilità dei sistemi agricoli sottoposti a vincoli ambientali)
  • Agro-food value chain (sostenibilità della filiera agro alimentare per lo sviluppo locale e regionale)

L’attuazione del Programma è affidata ad una specifica struttura di implementazione (DIS – Dedicated Implementation structure), la PRIMA Foundation (PRIMA-IS), un organismo internazionale con sede a Barcellona che governa l’Iniziativa per conto del Partenariato e che si occupa della gestione del contributo dell’UE (220 milioni di euro).

I bandi di PRIMA 2022

Il 18 gennaio 2022 sono stati pubblicati i bandi transazionali del Programma PRIMA per l’anno 2022, con un budget complessivo  (Section 1 e Section 2) pari a circa 68 milioni di euro.

I bandi PRIMA (Section 1 e 2) si articolano in 2 FASI: nella prima fase si deve presentare una proposta preliminare che sarà valutata dalla Fondazione PRIMA. Le proposte ammesse alla seconda fase saranno invitate a presentare la Full Proposal per la valutazione finale e la selezione dei progetti vincitori.

SECTION 1: è composta da 4 bandi transnazionali di ricerca e innovazione, uno per ciascuna delle 3 aree tematiche di PRIMA, più una area tematica di Nexus tra le tre precedenti. I bandi sono gestiti a livello centrale da PRIMA con regole di partecipazione e procedure simili a quelle normalmente utilizzate da Horizon 2020. Il finanziamento dei progetti vincitori sarà erogato direttamente dalla Fondazione PRIMA, che utilizzerà le risorse stanziate dalla Commissione Europea per l’anno 2022, pari complessivamente a 35 M€. La prima fase della Section 1 si chiuderà il prossimo 15 marzo 2022, alle ore 17.00 (CET). I partecipanti che supereranno questa prima fase, saranno inviati a presentare le full proposal entro 6 settembre 2022, alle ore 17.00 CET.

La documentazione relativa ai topic e alle modalità di presentazione delle proposte preliminari dei bandi Section 1 (Call Text, Guidelines for applicants e Annual Work Plan 2022) è disponibile sul sito del Programma PRIMA al link dedicato.  

SECTION 2: bando transnazionale multitopic di ricerca e innovazione gestito attraverso una procedura sia internazionale che nazionale. La presentazione delle proposte, la loro valutazione e la selezione dei progetti vincitori verrà svolta dalla Fondazione PRIMA a livello internazionale. Il finanziamento dei progetti vincitori, invece, sarà gestito a livello nazionale dai singoli Stati Partecipanti. Il budget complessivo impegnato da tutti gli Stati Partecipanti alla Section 2 del bando 2021, ammonta a circa 35.5 milioni di euro.

Il bando PRIMA 2022 – Section 2 prevede il finanziamento dei seguenti topic suddivisi per area tematica:

  • Management of water– Topic 2.1.1 Prevent and reduce land and water salinization and pollution due to agri-food activities (RIA)
  • Farming System– Topic 2.2.1 Improving the sustainability of agro-pastoralism in the Mediterranean Region under the context of climate change (RIA)
  • Agro-food value chain– Topic 2.3.1 Enabling the transition to healthy and sustainable dietary behavior (RIA)

Maggiori informazioni relative ai topicdella Section 2 sono reperibili nel Annual Work Plan 2022  e nel Call Text Section 2, disponibili sul sito del Programma PRIMA al seguente link dedicato.

  • FASE 1: la scadenza internazionale per la presentazione delle proposte preliminari è prevista per il 22 marzo 2022, ore 17:00 (CET). Ai consorzi internazionali devono  presentare la proposta progettuale preliminare attraverso l’Online Submission System, disponibile sul pagina web della Call.

A tutti i partecipanti italiani si richiede inoltre di compilare online, entro il 22 marzo 2022, ore 17:00 (CET), la domanda nazionale attraverso il link dedicato, pena la non eleggibilità della domanda stessa.

Le regole di partecipazione e i criteri di eleggibilità per i partecipanti italiani sono riportati nell’Avviso Integrativo nazionale, che sarà disponibile a breve, nelle Guidelines for Applicants  e nel documento National Regulations, questi ultimi due consultabili al seguente link dedicato.

  • FASE 2: i consorzi che supereranno la prima fase di valutazione, saranno invitati dal PRIMA Call Secretariat a presentare le proposte complete entro il 13 settembre 2022, ore 17:00 (CET).

I partecipanti italiani ammessi alla seconda fase del bando dovranno presentare ulteriore documentazione nazionale (in particolare, i documenti denominati “il soggetto proponente”, il “capitolato tecnico” e lo “schema di disciplinare”). Tali documenti, da inviare entro la stessa data della dead line internazionale, sono disponibili in formato editabile sulla citata piattaforma per la presentazione delle domande nazionali

La documentazione aggiuntiva dovrà essere caricata sulla medesima piattaforma internet utilizzata nella prima fase del bando per la presentazione della domanda nazionale, raggiungibile al link dedicato

Come viene finanziato

Il MUR supporta tutti i topic del bando della Section 2 con un budget complessivo di 7 milioni di euro, come contributo a fondo perduto.

Il finanziamento massimo richiedibile per progetto, a prescindere dal numero di partecipanti italiani coinvolti, è pari a:

  • 500.000 euro se uno dei partecipanti italiani è coordinatore del progetto;
  • 350.000 euro se il coordinatore non è italiano.

Redazione

Questo è lo spazio dedicato ai contenuti redazionali generici di FMag.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button