UniversitàInnovazione

Oracle crede in Napoli: nuovo accordo con l’Università Federico II

Obiettivo comune: dare spinta a progetti innovativi e immediatamente applicabili nel mercato, con un mutuo vantaggio da parte degli studenti e dell’Ateneo da un lato, e dell’economia del nostro Paese, dall’altro

Per chi lavora nell’IT, Oracle è un nome leggendario: la multinazionale con sede nella Silicon Valley è un gigante dell’informatica e partendo dai database è ora tra le prime tre società di software al mondo. Per questo, sapere che un gigante del genere decide di continuare a investire nei talenti del sud Italia è sempre una buona notizia, anche se restiamo in superficie.

È di queste ore, difatti, la notizia che Oracle ha firmato un nuovo accordo con l’Università degli studi di Napoli Federico II, nobile e antica facoltà meridionale da tempo proiettata verso il futuro.

L’accordo con Oracle

Nell’Aula Magna dell’ateneo federiciano il Magnifico rettore Matteo Lorito e il Country Manager di Oracle Italia, Alessandro Ippolito hanno siglato un nuovo accordo che mira appunto a coniugare le tecnologie di Oracle in ambito tecnologico (licenze database, middleware e sistemi ingegnerizzati hardware) e di cloud infrastrutturale (IaaS, Infrastructure as a Service) e applicativo (SaaS, Software as a Service) con la ricerca interdisciplinare dell’Università Federico II. Obiettivo comune: dare spinta a progetti innovativi e immediatamente applicabili nel mercato, con un mutuo vantaggio da parte degli studenti e dell’Ateneo da un lato, e dell’economia del nostro Paese, dall’altro.

Siamo lieti di annoverare Oracle tra le aziende di eccellenza che supporteranno con le loro tecnologie e il loro know-how dal prossimo anno accademico i nostri percorsi di formazione e ricerca, e ci aspettiamo importanti risultati da questo nuovo accordo di grande rilievo”, ha dichiarato Lorito.

L’Università degli Studi di Napoli Federico II – spiega lo stesso ateneo in una nota stampa – ha, tra i propri Dipartimenti, numerosissimi riferimenti di eccellenza nelle attività di ricerca e formazione nei campi dell’ingegneria, dell’informatica e in tutti i settori scientifici connessi, nonché nelle discipline correlate a temi economico gestionali e a processi comunicativi avanzati, ed esprime perciò la ricerca e la formazione di competenze pienamente rientranti nei settori di interesse di Oracle.

Oracle è da sempre attenta non solo al business, ma anche alla responsabilità sociale verso le comunità locali e nazionali dove opera: per noi – come italiani e come responsabili aziendali – è motivo di onore contribuire allo sviluppo di competenze e progetti che portino valore al nostro Paese, specie se in collaborazione con Atenei d’eccellenza come la Federico II di Napoli”, aggiunge Ippolito.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button