Impresa e StartupTecnologia

UAE, il Programma Nazionale Codificatori investe su talenti e startup internazionali

Parte negli Emirati Arabi Uniti il Programma Nazionale per Codificatori, per attrarre programmatori e talenti da tutto il mondo. Previsti centomila visti d'oro

Gli Emirati Arabi Uniti (UAE) fanno un ulteriore passo avanti verso lo sviluppo tecnologico e l’economia digitale. Nelle scorse ore, lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, vicepresidente e primo ministro degli Emirati Arabi Uniti e sovrano di Dubai, ha annunciato l’avvio del Programma Nazionale Codificatori, un’autostrada di sviluppo per il regno arabo lambito dal mare del Golfo Persico.

Gli Emirati, già noti per l’attrattiva Silicon Valley di Dubai dove vi sono anche le sedi dei centri più importanti di sviluppo e tecnologie delle multinazionali, continuano a sfidare il mondo globalizzato agendo da catalizzatori per le eccellenze nazionali e globali, investendo una quota consistente di dirham – la moneta locale – in programmi che fungeranno da volano per l’economia digitale.

Su Twitter, Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum ha annunciato che: “Oggi abbiamo lanciato il Programma Nazionale per i Codificatori in collaborazione con Google, Microsoft, Amazon, Cisco, IBM, HPE, LinkedIn, Nvidia e Facebook, con l’obiettivo di formare e attirare 100.000 programmatori, stabilendo 1000 aziende digitali entro 5 anni e aumentando gli investimenti nelle startup da 1,5 miliardi di AED a 4 miliardi di AED.

Cosa prevede il Programma Nazionale Codificatori

Secondo il comunicato stampa dell’Agenzia degli Emirati, il Programma Nazionale Codificatori è stato sviluppato a partire dalla volontà di mettere al centro dello sviluppo dei Paesi Arabi “le giovani menti e le competenze nazionali” intese come “pilastri principali per costruire un fiorente futuro digitale, basato su scienza, conoscenza, innovazione e tecnologia. L’esperienza di successo degli Emirati Arabi Uniti nel campo della trasformazione digitale e tecnologica sarà un fattore chiave nell’attuazione dei suoi piani strategici e nella promozione della marcia di sviluppo”.

In occasione dell’annuncio del lancio del “Programma nazionale per i codificatori” degli Emirati Arabi Uniti, Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid ha sottolineato che il programma mira a progettare una serie di iniziative nazionali per lo sviluppo di talenti, competenze e progetti innovativi nel campo della codifica, accelerando l’adozione delle sue applicazioni e strumenti in diversi settori economici e futuri e lo sviluppo di uno stretto legame tra i codificatori e gli enti pubblici, privati ​​e accademici.

Per questo motivo, il Sovrano di Dubai ha emesso direttive a tutte le entità governative negli Emirati Arabi Uniti per supportare i talenti di codifica nazionali e internazionali; collaborare con organi legislativi, incubatori d’impresa, società di investimento, università e centri di ricerca per sostenere iniziative e progetti basati sulla codifica, il cui lavoro porta a promuovere le competenze dei quadri nazionali; e aggiornare le leggi legislative in modo da stare al passo con i rapidi cambiamenti globali e soddisfare le nuove esigenze e sfide tecnologiche.

In un altro tweet, Sua Altezza ha aggiunto: “Il Programma Nazionale per i Codificatori è un nuovo passo all’interno del programma nazionale degli Emirati Arabi Uniti per costruire la nostra economia digitale. Il mondo cambia, il ritmo della trasformazione digitale sta raddoppiando. I lavori stanno cambiando e la sopravvivenza sarà per i più preparati, agile e ben attrezzato per stare al passo con i cambiamenti globali.”

La strategia del Programma Nazionale per i Codificatori si concentra su 5 pilastri chiave, vale a dire: supportare i programmatori, gli imprenditori, le startup, le grandi aziende e il settore accademico; sviluppare una piattaforma completa per collegare i codificatori con le aziende e le università locali; lanciare iniziative globali supervisionate da una serie di formatori internazionali per migliorare l’efficienza dei talenti locali; attrarre i migliori quadri internazionali di codifica negli Emirati Arabi Uniti e suggerire politiche per potenziare il settore della codifica in collaborazione con vari enti governativi.

Saranno lanciate diverse iniziative per supportare i risultati della strategia, tra cui una piattaforma completa per collegare i codificatori con il settore privato e accademico, supportare gli uomini d’affari nella ricerca di talenti specializzati per sviluppare progetti innovativi, concedere il visto d’oro ai migliori codificatori internazionali, sviluppare le esperienze dei programmatori degli Emirati per diventare tra i migliori a livello globale, sostenendo le startup nazionali che lavorano nel campo dell’economia digitale, potenziando i progetti basati sulla codifica sociale e umanitaria.

Come parte del supporto fornito dal programma, aiuterà vari enti governativi a trovare soluzioni innovative basate sulla codifica in collaborazione con programmatori di spicco, aziende indipendenti, startup locali e società di codifica internazionali. Supervisionerà inoltre lo sviluppo delle capacità di codifica dei giovani degli Emirati, oltre a studiare e definire le esigenze del mercato locale e globale e migliorare la cooperazione continua con il settore accademico.

Attrarre i talenti da tutto il mondo

Lo sceicco Mohammed ha evidenziato che “Miriamo ad attirare i migliori programmatori internazionali e fornire loro l’infrastruttura necessaria per sviluppare idee innovative che servano il mondo … Miriamo a stabilire 1000 startup nel campo dell’economia digitale negli Emirati Arabi Uniti entro 5 anni … Sosterremo i programmatori nazionali per diventare tra i migliori a livello globale. Impiegheremo talenti promettenti nello sviluppo di 10 piattaforme per supportare progetti sociali e umanitari negli Emirati Arabi Uniti.

Sotto la supervisione dell’Ufficio per l’intelligenza artificiale degli Emirati Arabi Uniti, inoltre, il “Programma nazionale per i codificatori” mira a sostenere le iniziative nazionali e le strategie future negli Emirati Arabi Uniti, progettate per sviluppare le capacità dei talenti nazionali, attirare competenze digitali globali e costruire l’infrastruttura necessaria per stabilire aziende più ampie basate sull’innovazione.

Il programma consente inoltre a imprenditori, uomini d’affari e startup di codificare di supportare la trasformazione digitale in vari settori chiave. Fornisce opportunità di cooperazione con enti governativi e del settore privato negli Emirati Arabi Uniti e all’estero per implementare idee promettenti e trasformarle in progetti globali.

Il Programma nazionale per la codifica, lanciato da Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, concederà visti d’oro ai migliori 100.000 programmatori di tutto il mondo. Fornirà inoltre una gamma di opzioni di finanziamento a imprenditori e programmatori, sosterrà l’attuazione dei loro progetti e idee innovativi e creerà società digitali per promuovere la competitività dell’economia nazionale in tutto il mondo.

Nella sua prossima fase, il programma inviterà i programmatori di tutto il mondo a trovare soluzioni innovative a 100 sfide governative, economiche, tecnologiche, sanitarie e dei servizi e ad accelerare l’adozione delle moderne tecnologie. Il programma organizzerà anche 10 hackathon, riunendo programmatori di prim’ordine per sostenere gli sforzi nazionali nello sviluppo di un sistema integrato negli Emirati Arabi Uniti basato sulle ultime tecnologie.

Verrà lanciata una campagna globale completa per evidenziare gli sforzi principali degli Emirati Arabi Uniti nell’attirare le migliori competenze di codifica globali. Farà luce sulla fornitura di servizi distinti ed esperienze senza soluzione di continuità per incoraggiare i programmatori a tornare negli Emirati Arabi Uniti per trovare lavoro e stabilire startup.

Per realizzare la visione di Sua Altezza lo sceicco Mohammed bin Rashid Al Maktoum, raggiungere gli obiettivi strategici del programma e implementare tutte le iniziative e i progetti correlati, il Programma nazionale per i programmatori terrà partenariati di cooperazione con più entità e tecnologie pubbliche, private e accademiche società negli Emirati Arabi Uniti e all’estero, tra cui “Google”, “Microsoft”, “IBM”, “LinkedIn”, “Facebook”, “Huawei”, “Amazon Web Services (AWS)”, “Nvidia”, “Cisco”, ” Hewlett Packard Enterprise (HPE)”, “Majid Al Futtaim”, “Centro Commerciale Mondiale di Dubai”, “Emirates NBD”, “Group 42 (G42)”, “Università di Khalifa”, “Collegi Superiori di Tecnologia”, “Università di Sharjah “, ” Università di Mohamed bin Zayed per l’Intelligenza Artificiale (MBZUAI)”, ” Università Americana a Dubai (AUD)”, “Le Wagon” e “Yalla”.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button