Società
Trending

Bonus vacanze 2021, c’è una grossa novità che risolve parecchi problemi

Nessuna proroga al 2022, ma c'è un piccolo dettaglio che permetterà di scavalcare alcune difficoltà di chi ha provato a usufruirne con scarso successo lo scorso anno

Bonus Vacanze 2021, la misura a sostegno del turismo italiano pensata in piena emergenza Covid 2020 e che prevede dai 150 ai 500 euro di rimborso per i nuclei familiari che decidono di godersi l’estate in Italia, è confermata con una importante novità. No, non si tratta della proroga del bonus al 2022 come qualcuno ipotizzava prima del nuovo decreto Sostegni Bis. Si tratta di una minuzia, ma destinata ad allargare notevolmente l’applicabilità del Bonus Vacanze 2021 stesso.

Chiedere il bonus Vacanze 2021 all’agenzia di viaggi: ora si può

Infatti adesso è possibile spendere direttamente il bonus Vacanze in agenzia di viaggi o attraverso tour operator. Nella precedente versione del bonus, infatti, agenti di viaggio e tour operator potevano solo fare da intermediari, ma ad avere controllo pieno del bonus Vacanze era sempre e in toto la struttura ricettiva, che poteva accordarlo aderendo al bonus e avvalersi del relativo credito).

Uno dei punti dolenti di una misura che l’anno scorso ha raccolto comunque parecchi consensi – e la soddisfazione di Dario Franceschini (Ministro al Turismo) che ne ha snocciolato a cadenza di traguardo raggiunto i numeri – era infatti legato proprio al fatto che le strutture ricettive sovente o non accettavano il bonus o trovavano “soluzioni creative” per vincolarne l’accettazione (come date o durata del soggiorno), qualche volta anche fuori dai termini imposti dalla misura stessa.

Con l’esecutivo Draghi e questa piccola aggiunta:

“[…] pagamento di servizi offerti in ambito nazionale dalle imprese turistico ricettive, dalle agenzie di viaggio e tour operator nonché dagli agriturismo e dai bed & breakfast”.

adesso le agenzie hanno pieno potere di accordare il bonus e diventarne quindi i titolari del credito d’imposta.

Chi ha diritto al bonus Vacanze 2021 e in che misura

Il Bonus Vacanze 2021 spetta ai cittadini italiani con ISEE del nucleo familiare pari o inferiore a 40.000 euro (per il calcolo dell’ISEE è necessaria la DSU – Dichiarazione sostitutiva unica).

L’importo varia a seconda del numero di membri del nucleo familiare:

  • 150 euro per i singoli;
  • 300 euro per i nuclei familiari di due persone (come le coppie);
  • 500 euro per i nuclei familiari composti da tre o più persone.

Il bonus va usato una tantum (non è possibile frazionarlo per più soggiorni), va speso da un singolo soggetto del nucleo familiare e non vi è rimborso per la differenza se il bonus viene utilizzato per pagare un soggiorno dal valore più basso del bonus stesso.

Ricordiamo inoltre che l’80 percento del bonus è direttamente scontato dalla quotazione che andrete a pagare, mentre il restante 20 percento è detrazione fiscale sulla successiva dichiarazione dei redditi.

Il bonus può essere usato solo per le vacanze su strutture sul territorio italiano.

Come richiedere il Bonus Vacanze 2021

Per richiedere il Bonus Vacanze 2021 è necessario essere in possesso di SPID o carta d’identità digitale e utilizzare l’app IO – la stessa utilizzata per il programma cashback per intenderci.

Per ulteriori informazioni è possibile consultare la sezione FAQ di IO dedicata.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button