Economia
Trending

BTP futura. Sembra interessante, ma quanto rende?

Il BTP Futura conviene o no? Per capirlo, bisogna fare i conti: il nuovo BTP paga nel peggiore dei casi l’1,525% all’anno

Partiamo da una notizia. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze un paio di giorni fa ha comunicato che la serie dei tassi cedolari minimi garantiti della terza emissione del BTP Futura, partita oggi e fino a venerdì 23 aprile, avrà:

  • 0,75% dal 1° al 4° anno;
  • 1,20% dal 5° all’8° anno;
  • 1,65% dal 9° al 12° anno;
  • 2% dal 13° al 16° anno.

I tassi cedolari definitivi saranno annunciati alla chiusura del collocamento e non potranno comunque essere inferiori ai tassi cedolari minimi garantiti (quelli di sopra). In particolare il tasso cedolare fissato per i primi 4 anni di vita del titolo resterà invariato, mentre in base alle condizioni di mercato potranno essere rivisti al rialzo solo i tassi cedolari relativi ai tre successivi quadrienni, per una durata totale di 16 anni. Il codice ISIN del titolo durante il periodo di collocamento è IT0005442089.

Ma conviene il BTP Futura?

Questa è la domanda più frequente che mi è stata posta oggi. Il documento informativo non brilla per chiarezza e i risparmiatori non riescono a comprendere quanto effettivamente renda il prodotto. Proviamo a fare chiarezza. Il BTP futura 2037 è un’obbligazione che adotta per le cedole il meccanismo “step up”, ovvero con interessi crescenti. I primi 4 anni pagano una cedola dello 0,75%, dal 5° all’8° si sale all’1,2%, dal 9° al 12° siamo all’1,65% e dal 13° al 16° la cedola è del 2%.

A questo si aggiunge un premio fedeltà. Questo premio è legato all’andamento del PIL italiano con un minimo e un massimo. Il primo premio viene riconosciuto dopo 8 anni e va da un minimo dello 0,4% ad un massimo dell’1,2%. Il secondo premio viene pagato a scadenza, cioè dopo 16 anni, in due tranche: una cedola con un minimo dello 0,6% e un massimo dell’1,8%, legato al PIL sempre dei primi 8 anni, e una seconda cedola minimo dell’1% e massimo del 3%, legata invece all’andamento del PIL dal 9° al 16° anno.

Sono sicuro che anche dopo aver letto tutto questo, molti di voi (e anche io onestamente) si chiederanno se convenga o meno. La scelta migliore è raffrontare il rendimento dell’esistente BTP con pari scadenza 2037 con il BTP futura in emissione. Quest’ultimo paga nel peggiore dei casi l’1,525% all’anno, nella migliore delle ipotesi arriva all’1,775% annuo. Il BTP esistente, acquistato oggi, renderebbe grosso modo l’1,26%. Il confronto è semplice, anche se non aumentassero le cedole (che potrebbero essere migliorate dopo la chiusura del collocamento) il BTP futura è più conveniente del BTP esistente.

Rosario Napolano

Laureato in Commercio Internazionale e Mercati valutari presso l’Università degli studi di Napoli "Parthenope", già dirigente Deutsche Bank, già componente della Commissione regionale ABI Campania, attualmente dirigente della Banca Patrimoni Sella.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button