Economia
Trending

Il Sud Italia “resiste” alla pandemia: la fotografia di SRM e Confindustria

Secondo il "Check-up Mezzogiorno" la situazione è in "netto miglioramento" rispetto al 2020

“Un Sud in ripresa che ha resistito all’impatto socioeconomico della pandemia e che sembra aver ripreso un sentiero di crescita sostenuta”: parole che finalmente hanno sfumature che fanno ben sperare quelle che arrivano dal Check-up Mezzogiorno di Confindustria (Area Coesione Territoriale e Infrastrutture) e SRM (Centro Studi collegato al Gruppo Intesa Sanpaolo). Certo, bisognerà “consolidare” la crescita “cogliendo tutte le rilevanti opportunità offerte dai numerosi strumenti e misure di rilancio, in particolare dal PNRR, che prevede una effettiva e significativa attenzione al Sud”.

Tra gli indicatori di maggiore spessore bisogna citare l’Indice Sintetico dell’Economia Meridionale che dopo l’anno horribilis 2020 torna finalmente positivo, colmando il gap e riavvicinandosi ai valori registrati nel 2019. “Gli investimenti e le nuove imprese – recita una nota stampa diffusa da SRM – hanno superato il dato registrato prima della pandemia, evidenziando una vitalità imprenditoriale che ha saputo reagire alla crisi”.

Un Sud con “più luci che ombre”

Il rapporto SRM – Confindustria ha il merito di mettere in luce indicatori positivi in un periodo dell’anno in cui i report fioccano e il più delle volte descrivono situazioni al limite del catastrofico. Per Check-up Mezzogiorno invece al Sud ci sono “più luci che ombre“. Se è vero che il dato sull’occupazione continua a descrivere un trend negativo, sebbene contenuto, tanto a livello nazionale che a livello meridionale, rispetto al dato complessivo l’occupazione nelle costruzioni nel Mezzogiorno mostra un andamento positivo migliore di quello nazionale e delle altre aree territoriali, grazie alla forte spinta alle ristrutturazioni edilizie. E in prospettiva la decontribuzione Sud, la cui proroga per il 2022 è attesa, dovrebbe far segnare l’inversione di tendenza anche per l’occupazione.

Pil ed export in aumento

Le previsioni sul Pil confermano un andamento sostenuto del Pil meridionale per il 2021 pari a +5%, a fronte del +6,3% a livello nazionale e del +6,8% al Centro-Nord, e le previsioni parlano di una riduzione nel 2022 del delta di crescita tra le macroaree del Paese, con +4,4% per il Sud contro +4,6% per il Centro-Nord.

Cattura | F-Mag Il Sud Italia "resiste" alla pandemia: la fotografia di SRM e Confindustria

Anche l’export meridionale nei primi nove mesi del 2021 torna a crescere: rispetto ai primi nove mesi del 2020 registra un ottimo +16,6%, non molto distante dal circa 20% del Centro-Nord. Sono le esportazioni, nel complesso, a trainare la ripresa economica in atto, anche sotto Roma.

Continuano a crescere le imprese attive, che nel terzo trimestre 2021 aumentano nel Mezzogiorno (+1,6%) rispetto al 2020, ma comunque in misura superiore rispetto al Centro-Nord e all’intero Paese. Le imprese di capitali al Sud sono più di 370mila, con una crescita del 5,9% rispetto al terzo trimestre del 2020, quindi circa 21 mila nuove imprese di capitali.

PMI meridionali, si riducono i tempi medi di pagamento

Altro dato interessante contenuto nel rapporto riguarda i tempi medi di pagamento delle PMI meridionali che, seguendo una tendenza nazionale e di tutte le aree territoriali, si riducono. Resta, tuttavia un numero di giorni di pagamento più elevato nel Mezzogiorno, pur essendosi ridotti da 19,4 a 13,6 tra il 3° trimestre 2020 e il 3° trimestre 2021, rispetto al calo da 11,4 a 7,4 giorni registrato a livello nazionale.

Enrico Parolisi

Giornalista, addetto stampa ed esperto di comunicazione digitale, si occupa di strategie integrate di comunicazione. Insegna giornalismo e nuovi media alla Scuola di Giornalismo dell'Università Suor Orsola Benincasa. Aspirante re dei pirati nel tempo libero.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button