InnovazioneSocialeTecnologia

Digital Skills più accessibili: al via il corso di IDCERT “Io cittadino digitale”

Nei giorni scorsi parlavamo di come la transizione digitale, che dovrà traghettare l’Italia entro il 2030 trasformandolo in un Paese 4.0, non tenga conto della dovuta formazione delle competenze digitali dei cittadini.

Qualcosa, però, si sta muovendo: in occasione del programma Repubblica Digitale, l’iniziativa promossa dal Dipartimento per la Trasformazione Digitale della Presidenza del Consiglio, IDCERT ha messo in campo “Io cittadino digitale”, il corso gratuito pensato per fornire le competenze digitali di base utili ad utilizzare internet, i motori di ricerca e le principali applicazioni web. Lo comunica lo stesso ente in una nota stampa diffusa nei giorni scorsi.

Per poter accedere al corso basta andare sul sito di IDCERT e cliccare sul programma di formazione: sono offerti tre moduli formativi volti ad offrire agli utenti le competenze utili per conoscere ed interpretare le informazioni, adoperare gli strumenti della suite di Google e, non meno importante, lavorare e collaborare attraverso le tecnologie digitali.

La formazione per i cittadini di IDCERT

Il corso promosso da IDCERT promette di offrire l’acquisizione di competenze suddivise in tre moduli:

1 • Alfabetizzazione su informazioni e dati

  • Navigare, ricercare e filtrare dati, informazioni e i contenuti digitali
  • Motore di ricerca
  • Valutare dati, informazioni e contenuti digitali
  • Gestire dati, informazioni e contenuti digitali

2 • Google Cloud

  • Utilizzo delle app utili
  • Classroom

3 • Collaborare attraverso le tecnologie digitali

  • Allestire un ambiente di lavoro in maniera intelligente

Il corso, si legge sul sito,

è destinato a cittadini e dipendenti del settore pubblico e privato, con una didattica che prevede video-lezioni, materiale scaricabile, esercitazioni online e simulazioni d’esame; il tutto con 3 moduli di apprendimento da completare. L’iniziativa, quindi, mira a fornire un’educazione digitale e le competenze informatiche previste dal framework europeo DigComp 2.1 e dal PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza). Cosa più importante, al termine del corso l’utente può scegliere di ottenere una certificazione riconosciuta dal MIUR e valida ai fini dei Concorsi Pubblici, dei CFU universitari e di qualsiasi procedura di reclutamento per titoli.

dal sito IDCERT

Per accedere alla piattaforma web di IDCERT è necessario avere lo SPID. E, sebbene l’iniziativa sia lodevole, resta viva ancora una perplessità: rendere pervasivo e user friendly l’accesso all’informazione, soprattutto per i cittadini meno alfabetizzati digitalmente.

Anche il Ministro dell’Università e Ricerca, Maria Cristina Messa, nei giorni scorsi ha dichiarato che “Ci sono i fondi nel Pnrr le ‘digital skills’ ” ma  “i soldi non bastano, bisogna cambiare l’offerta formativa e far muovere nel mondo accademico tutto quello che può “concorrere nella formazione sui temi del digitale” al termine del G20 sulla Ricerca a Trieste.  “Sulle competenza dobbiamo riorganizzare e cambiare i contenuti della nostra offerta formativa e dobbiamo anche farlo in tempi rapidissimi”. Il Ministro Messa ha anche spiegato che “se noi iniziamo ad agire oggi avremo persone formate fra 3-5-7 anni”.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Translate »