Impresa e Startup
Trending

Arriva ON, il bando Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero di Invitalia

Arriva ON - Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero, il bando di Invitalia rivolto a startup, PMI e micro imprese composte da giovani e donne

Dal 19 maggio si aprirà la piattaforma di Invitalia per ON, il bando Oltre Nuove Imprese a Tasso Zero: si tratta di un incentivo “combinato” fra fondo perduto e rimborso agevolato, rivolto a startup, micro imprese e PMI composte in prevalenza o totalmente da giovani fra i 18 e i 35 anni oppure da donne di tutte le età.

Il bando, che è a sportello quindi non prevede scadenze, copre progetti d’impresa con incentivi fino a 3 milioni di euro e fino al 90% delle spese totali ammissibili.

ON, chi può partecipare

Per il bando ONOltre Nuove Imprese a Tasso Zero sono ammissibili le startup, le PMI e le micro imprese composte in prevalenza, ossia con una quota di persone fisiche e di capitale detenuto di almeno il 51%, da giovani fino ai 35 anni oppure di donne (di ogni età), indipendentemente dalla posizione geografica purché sia costituita nei confini del territorio nazionale.

Rispetto al bando “parallelo Nuove Imprese che pure partirà il 19 maggio, con ON si amplia la platea di beneficiari: possono infatti “presentare domanda di finanziamento, non più le imprese costituite entro 12 mesi dalla firma del contratto, ma quelle costituite entro i 5 anni precedenti, con regole e modalità differenti a seconda che si tratti di imprese costituite da non più di 3 anni o da almeno 3 e da non più di 5.

Inoltre, possono presentare domanda di contributo anche le persone fisiche con l’obbligo di costituire la società dopo l’eventuale ammissione alle agevolazioni.

Cosa finanzia

ON finanzia le imprese con progetti di investimento che puntano a realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare attività esistenti nei settori manifatturiero, servizi, commercio e turismo. La copertura delle spese ammissibili può arrivare al 90% da rimborsare in 10 anni in modo agevolato.

Secondo quanto previsto, i piani di impresa devono essere avviati successivamente alla presentazione della domanda e devono essere conclusi entro 24 mesi dalla data di stipula del contratto di finanziamento. Invitalia valuterà i business plan, concederà i finanziamenti e monitorerà la realizzazione dei progetti.

Come abbiamo anticipato nel punto precedente, sono previste due distinte linee di finanziamento, programmi di spesa e regimi di aiuto differenti a seconda che le imprese siano costituite da meno di tre anni oppure da almeno tre anni e meno di cinque.

Per le imprese fino a 3 anni si possono presentare progetti di investimento fino a 1,5 milioni di euro per realizzare nuove iniziative o sviluppare attività esistenti nei settori citati in precedenza. Secondo il bando ON, “possono accedere ad un mix di finanziamento a tasso zero contributo a fondo perduto che non può superare il limite del 20% della spesa ammissibile. Le imprese possono richiedere anche un contributo per la copertura delle esigenze di capitale circolante collegate alle spese per materie prime e servizi necessari allo svolgimento dell’attività d’impresa. Il contributo può arrivare fino al 20% delle spese di investimento”.

Alcuni esempi di spese del piano d’impresa

  • Opere murarie e assimilate (30% investimento ammissibile)
  • Macchinari, impianti e attrezzature
  • Programmi informatici e servizi per l’ICT
  • Brevetti, licenze e marchi
  • Consulenze specialistiche (5% investimento ammissibile)
  • Spese connesse alla stipula del contratto di finanziamento
  • Spese per la costituzione della società

Per le imprese tra i 3 e i 5 anni si possono “presentare progetti che prevedono spese per investimento fino a 3 milioni di euro per realizzare nuove iniziative o ampliare, diversificare o trasformare attività esistenti. Le agevolazioni consistono nel mix di tasso zero e fondo perduto, che non può superare il limite del 15% della spesa ammissibile”.

Alcuni esempi di spese del piano d’impresa

  • Acquisto di immobili solo nel settore turistico (40% investimento ammissibile)
  • Opere murarie e assimilate (30% investimento ammissibile)
  • Macchinari, impianti e attrezzature
  • Programmi informatici
  • Brevetti, licenze e marchi.

Come partecipare a ON

Per partecipare al bando ONOltre Nuove Imprese a Tasso Zero si può presentare la domanda, sulla piattaforma di Invitalia, a partire dalle ore 12,00 del 19 maggio. E’ necessario registrarsi sul sito (anche con mail ordinaria) ma è obbligatorio disporre di una firma digitale e di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) del legale rappresentante delle società già costituita al momento della presentazione, oppure della persona fisica in qualità di socio o soggetto referente della società costituenda.

Sul sito di Invitalia è possibile scaricare tutta la documentazione e partecipare a seminari informativi sul bando.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button