Tecnologia

Arriva Open-es, la piattaforma per l’industria di Eni, BCG e Google

Arriva Open-es, la piattaforma-community che promette di guidare le aziende nella transizione digitale e sostenibile

È online Open-es, la nuova piattaforma digitale dedicata alla sostenibilità nelle filiere industriali e aperta a tutte le realtà impegnate nel percorso di transizione energetica. La piattaforma, annunciata lo scorso dicembre e frutto della partnership tra Eni, Boston Consulting Group (BCG) e Google Cloud, è finalmente raggiungibile in rete all’indirizzo dedicato.

Come funziona Open-es

Open-es promuove la sostenibilità nell’industria ed è aperta a tutte le imprese che vogliono giocare un ruolo da protagonista nella crescita dell’ecosistema industriale sulle dimensioni della sostenibilità, in Italia e nel mondo. Alla community, attualmente, hanno aderito circa 1000 società (tra i primi i fornitori di Eni che hanno aderito alla fase di pre-iscrizione). Altre aziende “capo-settore” di primari settori industriali si stanno unendo a Open-es.

Il sistema vuole essere “una community in cui l’intero ecosistema delle imprese si unisce ad un processo collaborativo e non competitivo per una crescita comune sui quattro pilastri della sostenibilità, fondamentali per il nostro presente e futuro: il Pianeta, le Persone, la Prosperità economica e i Principi di Governance aziendale”, spiega Eni.

Open-es, comunque, permetterà a tutte le aziende di misurarsi in un percorso di crescita e sviluppo sui valori della sostenibilità, verso una consapevolezza diffusa a tutta la catena del valore, sfruttando il modello dati ESG di Open-es, basato sulle metriche core definite nell’iniziativa “Stakeholder Capitalism Metrics” del WEF.

Un’opportunità di confronto per le aziende

Con la piattaforma ogni azienda aderente potrà misurare le proprie performance di sostenibilità e confrontarsi con i benchmark di settore attraverso un percorso guidato; acquisire consapevolezza sui propri punti di forza e aree di miglioramento sulle diverse dimensioni ESG, in modo da costruire un percorso di sviluppo, suggerimenti e soluzioni che li aiuteranno a colmare i gap e valorizzare i punti di forza; coinvolgere i propri fornitori, invitandoli ad entrare su Open-es, migliorando quindi i processi di procurement sostenibile e accedendo a statistiche, analisi di dettaglio e strumenti di collaborazione con la filiera; accedere ad un’area di collaborazione dove poter condividere esperienze, dare visibilità alle proprie best practice di sostenibilità ambientale, sociale ed economica e chiedere e offrire supporto.

“Teniamo molto a questa operazione poiché rappresenta un nuovo importante passo verso la creazione di una forte sinergia nel sistema imprenditoriale rispetto al raggiungimento degli obiettivi sul clima. Eni si fa promotore di questo strumento, condividendo la propria esperienza e il proprio know how in tutti gli ambiti della sostenibilità, ma l’obiettivo è che questo possa diventare un sistema inclusivo del più ampio numero possibile di imprese, un luogo di tutti, al fine di compiere un percorso comune di continuo miglioramento operativo e tecnologico nella sostenibilità dell’industria”, ha commentato l’amministratore delegato di Eni, Claudio Descalzi.

Redazione

Questo è lo spazio dedicato ai contenuti redazionali generici di FMag.it.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button