InnovazioneTecnologia

Cisco: 500 borse di studio per diventare “cyber defender”

Cisco mette a disposizione 500 borse di studio rivolte a tutti coloro che sono di età compresa fra i 18 e i 45 anni.

Da oggi diventare un difensore della sicurezza informatica è possibile: basta partecipare alla quarta edizione di ‘Cybersecurity scholarship’, iniziativa con cui Cisco mette a disposizione 500 borse di studio rivolte a tutti coloro che sono di età compresa fra i 18 e i 45 anni.

Ai vincitori verrà offerta la possibilità di accedere gratuitamente a corsi di formazione specifici, di partecipare a webinar con professionisti cybersecurity italiani e stranieri di Cisco, nonché di prendere parte a laboratori pratici realizzati in collaborazione con le Academy Cisco su tutto il territorio nazionale.

Ma soprattutto di entrare in contatto con le aziende del settore digitale.

Cybersecurity scholarship di Cisco, perché è un’opportunità

La ‘Cybersecurity scholarship’ di Cisco rappresenta quindi una grandissima opportunità, alla luce delle aperture professionali che sta offrendo questo settore: secondo le stime di uno studio di Wyser (Gi Group) si parla addirittura di una richiesta di 3,5 milioni di posti di lavoro nel mondo. Un vero e proprio esercito di Cyber-defender che, se adeguatamente formato, sarà in grado di proteggere i dati e le reti delle aziende, delle istituzioni e dei cittadini.

Una persona adeguatamente formata sulla cybersecurity rappresenta infatti un valore aggiunto per le imprese, Cisco compresa, senza contare che specializzarsi in questo campo è un’occasione di crescita anche per chi possiede già un percorso professionale nel settore informatico.

Dove ci sono dati e reti – spiega Luca Lepore, corporate business development manager di Cisco Italia – c’è sempre il potenziale interesse da parte del crimine informatico a esplorare opportunità di guadagno, come ci mostra sempre più spesso anche la cronaca; per questo colmare il gap di competenze in ambito cybersecurity è sempre più urgente. La richiesta di lavoro è superiore all’offerta, quindi è urgente mettere in rete risorse anche del settore privato, per rendere più accessibili gli stessi percorsi formativi, aiutando a creare lavoro. Questo è lo spirito che ci anima con le nostre networking academy e con tutte le iniziative ad esse collegate, come queste borse di studio”.

Cisco è da sempre impegnata sul fronte della formazione ict con il programma Cisco networking academy. Un esempio concreto è ciò che sta avvenendo nell’Irccs-Istituto di ricerca e cura a carattere scientifico oasi di Troina (Enna).

Da dicembre 2020 il responsabile dei servizi informativi e informatici è Alessandro Valenza, un ingegnere che dopo aver seguito i corsi Cisco in virtù di una borsa di studio vinta nel 2020 ha coinvolto ben 80 dipendenti della struttura sanitaria, portandoli a frequentare un corso Cisco networking academy di introduzione alla cybersecurity.

Il progetto, supportato dal partner Academy siciliano ict learning solutions, sta creando quindi un rinnovamento delle competenze anche nel personale non it, stimolando un percorso di innovazione tecnologica.

Sul sito è possibile registrarsi ed approfondire tutte le informazioni necessarie.

Roberto Malfatti

Roberto Malfatti, nato nell'anno in cui Bearzot insegnava al mondo a giocare a calcio con la sua Italia campione del Mondo. Sociologo, comunicatore, papà di Irene e chitarrista all'occorrenza. Esperto in tematiche ambientali con il vizietto di ascoltare sano rock.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button