Sociale

Act4Change, il progetto Activia per il reinserimento lavorativo delle donne

“Purtroppo la pandemia ci ha fatto fare dei passi indietro rispetto ai progressi fatti nel campo del lavoro femminile. Serve dare una risposta e certe volte le aziende sono più veloci delle istituzioni. Act4Change è un esempio di quando un’azienda arriva e interviene dove invece le istituzioni stanno ancora metabolizzando"

Sono aperte le iscrizioni indirizzate a 250 donne di tutta Italia per partecipare ad Act4Change, il programma di Activia per promuovere il reinserimento lavorativo e l’empowerment femminile.

L’obiettivo di Act4Change, infatti, è proprio quello di supportare in modo attivo le donne che sono state colpite dalla crisi, fino a perdere il lavoro a causa della pandemia: parliamo, secondo i dati ISTAT, del 98% dei “nuovi disoccupati”, ossia coloro che hanno dovuto rinunciare al posto di lavoro durante la congiuntura pandemica oppure sono stati licenziati.

Il perché di Act4Change

Per questo motivo Act4Change, il programma che Activia ha disegnato insieme a Francesca Parviero di Linkbeat, società innovativa e benefit che sviluppa progetti sui temi del futuro del lavoro e digital mindset, mette la donna al centro per far emergere il valore che ognuna porta dentro di sé ed esprimerlo nella ricerca di nuove opportunità professionali. Partner dell’iniziativa è Adecco, per supportare tutte quelle donne che sono alla ricerca di una ricollocazione professionale.

“Act4Change nasce da lontano – spiega Jordi Guitart, direttore Marketing Danone Italia, durante la presentazione del progetto a Milano – perché Danone da sempre ha per missione prendersi cura delle persone; già nel 1976 il nostro presidente, Antoine Riboud, aveva dichiarato che Danone aveva un doppio obiettivo, uno economico e uno sociale perché non esiste progresso economico senza progresso sociale. Recentemente la nostra azienda è stata certificata come B Corp e vogliamo utilizzare l’impatto del business per avere un impatto positivo sulla società. Per questo nel progetto Act4Change non ci sono solo parole, ma azioni: agire per il cambiamento”.

Da luglio 2020, infatti, Danone ha ottenuto la certificazione di azienda B Corp grazie al suo impegno nel coniugare la creazione di valore economico con la realizzazione del bene collettivo, producendo effetti positivi sull’ambiente, il territorio e le persone.

Act4Change è la risposta a un dato che la pandemia, tra gli altri, ha messo in evidenza: 3 su 4 posti di lavoro persi durante il periodo di crisi sono di donne. I dati di occupazione femminile manifestano da sempre una profonda disuguaglianza di genere e che, a causa del Covid, sono peggiorati soprattutto nei settori produttivi a maggiore concentrazione di donne.

Purtroppo la pandemia ci ha fatto fare dei passi indietro rispetto ai progressi fatti nel campo del lavoro femminile – dichiara Azzurra Rinaldi, direttrice della School Gender Economics Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza – e per questo ci sono delle aeree che vanno sempre presidiate. Questa crisi ci ha colto di sorpresa, andava affrontata con strumenti nuovi invece sono stati messi in campo strumenti vecchi. La maggior parte delle donne italiane lavora in tre macro settori che sono quelli maggiormente colpiti. Serve dare una risposta e certe volte le aziende sono più veloci delle istituzioni. Act4Change è un esempio di quando un’azienda arriva e interviene dove invece le istituzioni stanno ancora metabolizzando. Ecco perché iniziative come queste sono preziose: per ripartire, l’Italia ha bisogno del lavoro delle donne e delle loro capacità”.

Il percorso formativo

Il format di Act4Change si svilupperà attraverso un percorso che prende il via con due momenti principali di approfondimento. Da una parte una serie di 4 eventi live sul canale Instagram di @activia_italia dove ogni puntata affronterà diverse tematiche rilevanti e di ispirazione per il processo di ricerca di una nuova opportunità professionale.

Dall’altro, dal 22 al 24 novembre, 5 laboratori dedicati alle donne che hanno perso il lavoro in moduli da 50 partecipanti ognuno, aperti alle prime 250 donne che si iscriveranno sul sito dedicato.

Alla fine del percorso formativo, le partecipanti saranno indirizzate nelle filiali di Adecco con la possibilità di sostenere un colloquio e avere la reale opportunità di un reinserimento nel mondo del lavoro.

Se il personal branding – sottolinea Francesca Parviero, designer di Act4Change – è la capacità di fare emergere il proprio valore attraverso le proprie reti sociali, per le donne può essere una leva straordinaria nel progettare in modo consapevole e intenzionale la propria vita. Saper riconoscere il proprio valore e riuscire ad esprimerlo attraverso i propri canali di contatto con il mondo (offline come online) è fondamentale. Riconoscere alcuni condizionamenti che ci frenano e imparare a indossare la nostra personalità attraverso le parole e l’immagine può comportare un cambiamento di paradigma rivoluzionario per le donne nel conquistare la loro prossima opportunità professionale e quindi personale. In uno scenario dove le donne sono più preparate e meno occupate, Act4Change può diventare un primo passo verso questa rivoluzione”.

Federica Colucci

Napoletana, classe 1990, Federica Colucci è giornalista, HR e communication specialist. Già responsabile della comunicazione dell'Assessorato al Lavoro e alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, ha come expertise i temi del lavoro, del welfare e del terzo settore. Direttore editoriale di FMag.it

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button