EconomiaInnovazione

Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, 42,5 mld per digitalizzazione

Presentata la bozza del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza con i fondi destinati all'innovazione e alla digitalizzazione

Una fetta importante del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza sarà destinato al capitolo innovazione. Potrebbero ammontare a 42,5 miliardi gli stanziamenti complessivi del Recovery plan per la digitalizzazione e il rilancio del turismo. È quanto emerge dalla bozza del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza.

Nel dettaglio con queste risorse (pari al 22% dei fondi totali) si finanzierebbero i progetti per la digitalizzazione della pubblica amministrazione, per incentivare la transizione digitale delle imprese, per gli investimenti sulla la banda ultralarga e le connessioni veloci nel paese, per il sostegno alle filiere, all’internazionalizzazione e agli investimenti in tecnologie satellitari e per il rilancio del turismo e della cultura. Una quota pari a 25,3 miliardi degli oltre 191 miliardi totali del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza (il 13%) andrà invece ai progetti per la mobilità sostenibile. Nello specifico i progetti per l’Alta velocità, la modernizzazione della rete ferroviaria, lo sportello unico doganale, tra gli altri.

In totale il recovery plan targato Italia ammonta a 221,5 milardi: 191,5 miliardi finanziati con le risorse in arrivo da Bruxelles e 30 dal fondo complementare. Due gli “obiettivi chiave” che il Piano Nazionale Ripresa e Resilienza si pone: «Riparare i danni economici e sociali della crisi pandemica» e «contribuire ad affrontare le debolezze strutturali dell’economia italiana», si legge nel documento di sintesi messo a punto dal Mef e discusso nella riunione a Palazzo Chigi tra il premier Mario Draghi, i ministri interessati al dossier, tra questi Vittorio Colao e Roberto Cingolani, e i capidelegazione delle forze di maggioranza.

Per quanto riguarda gli altri settori, delle risorse del Piano Nazionale Ripresa e Resilienza, da sottolineare i 15,6 miliardi destinati alla sanità. Anche su questo terreno, infatti, si punterà sull’aggiornamento delle tecnologie, delle attrezzature e delle infrastrutture e sulla la digitalizzazione del servizio sanitario nazionale. 31,9 miliardi, invece, andranno, al capitolo Istruzione e ricerca. E anche in questo ambito, a leggere la bozza, c’è tanta innovazione. Parte dei fondi per l’istruzione saranno usati per «rafforzare il sistema educativo, le competenze digitali e Stem, la ricerca e il trasferimento tecnologico». Ma anche «scuole moderne, cablate e orientate all’innovazione grazie anche ad aule didattiche di nuova concezione».

La digitalizzazione, però, va di pari passo con la transizione ecologica. E la rivoluzione green fa la parte del leone nella bozza del programma: ben 57 miliardi. Nel dettaglio le risorse andranno agli interventi per l’economia circolare, la gestione dei rifiuti, l’efficienza energetica, le infrastrutture idriche e l’idrogeno, tra gli altri.

Dario De Martino

Nato all'ombra del Vesuvio il 18 marzo 1994, dopo la maturità classica e la laurea in scienze politiche alla Federico II diventa giornalista professionista lavorando per il "Roma", la testata più antica del Sud Italia. Sin da giovane racconta il mondo e le sue evoluzioni dall'osservatorio che definisce "privilegiato di una città unica per tanti aspetti e, seppur legata alle sue tradizioni, pronta ad adeguarsi alle nuove velocità del globo".

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button